Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   
slide_uilbandiere

Tesseramento 

sample image Tutti i vantaggi del tesseramento UIL e le convenzioni
Scopri

Galleria Fotografica 

sample image La nostra galleria fotografica aggiornata in tempo reale
Guarda

Le domande ricorrenti 

sample image Leggi le definizioni dei termini più frequenti
Leggi

banner grigi 300x200px

In Primo Piano 

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

"Bonus mamma" di 800 euro. Le …

"Bonus mamma" di 800 euro. Le domande all'INPS dal 4 maggio

Da giovedì 4 maggio 2017 si può inoltrare domanda all'INPS per ottenere il premio alla nascita o "bonus mamma", di 800 euro una tantum, introdotto dalla legge di Bilancio e...

Read more

Temporanea incapacità lavorativa per mal…

Temporanea incapacità lavorativa per malattia: riduzione del periodo di prognosi

Con la circolare 79 del 2 maggio 2017, vengono forniti chiarimenti sull'obbligo di rettifica della prognosi in caso di variazioni rispetto al certificato in corso. Si ricorda che, in caso di...

Read more

Dichiarazione dei redditi: elenco dei do…

Dichiarazione dei redditi: elenco dei documenti necessari alla compilazione

Elenco documenti necessari alla compilazione: - Dichiarazione dei redditi anno precedente mod 730/2016 o mod. UNICO/2016, in assenza la CU 2016 redditi 2015. - Documento d'identità' valido - Codice fiscale o tesserino sanitario e...

Read more
Venerdì, 09 Febbraio 2018 17:55

Rinnovato il CCNL Turismo

Oggetto: TURISMO – Esito incontro trattativa di rinnovo CCNL.

Dopo oltre 4 anni e mezzo dalla scadenza e fasi di negoziato intercorse con controparti in formazione diversa, si è giunti alla definizione del CCNL per i lavoratori dei Pubblici Esercizi, della Ristorazione (collettiva e commerciale) e di altri settori del Turismo sottoscritto da Fipe-Confcommercio, Angem, Associazioni Cooperative.

Un risultato importante perché ricostituisce un quadro unitario nel contratto nazionale che riguarda centinaia di migliaia di lavoratori e lavoratrici di questi settori, attraverso un significativo risultato di incremento salariale (100 € mensili al IV livello a regime più 2 € mensili in favore dell'assistenza sanitaria integrativa) e un complesso normativo migliorativo su diversi istituti tra cui le clausole sociali nel cambio di gestione delle attività di ristorazione.

Nel dettaglio, gli aspetti salienti:

• L'aumento salariale (non assorbibile) è distribuito con le seguenti decorrenze:

- € 25,00: 1° gennaio 2018;

- € 20,00: 1° gennaio 2019;

- € 20,00: 1° febbraio 2020;

- € 15,00: 1° marzo 2021;

- € 20,00: 1° dicembre 2021.

• Dal 1.02.2018 il contributo a favore dell'assistenza sanitaria integrativa è incrementato di 1 € e dal 1.01.2019 di un ulteriore 1 €, a carico del datore di lavoro.

• Viene confermato il secondo livello di contrattazione, le cui piattaforme potranno essere presentate da settembre 2019; in caso di mancato accordo entro il 31.10.2020, sarà erogato l'elemento di garanzia per l'importo di 140 € a novembre 2021. Previo accordo aziendale o territoriale, tale importo potrà essere commutato in welfare come da nuova normativa.

 

• I permessi individuali retribuiti sono confermati nella quantità prevista dal CCNL 2010. E' stata infatti respinta la pretesa di abrogarne una parte consistente, come richiesto dalle imprese anche nel confronto di due anni or sono con la sola Ristorazione Collettiva.

Per i nuovi assunti, si è introdotta la maturazione graduale già prevista per il CCNL Terziario: le prime 32 ore annue (ex festività) saranno riconosciute dalla data di assunzione; ulteriori 36 ore annue saranno riconosciute dal 24° mese dall'assunzione; le ultime 36 ore annue decorreranno dal 48° mese dall'assunzione.

Tale gradualità non si applica ai lavoratori assunti nelle aziende di stagione né per coloro assunti per incremento temporaneo dell'attività (ex artt. 82 e 83 CCNL 2010); per coloro coinvolti nei cambi di gestione, sarà considerata utile l'anzianità maturata nelle precedenti gestioni.

• La programmazione da parte dell'azienda non potrà eccedere 72 ore annue, salvaguardo la piena disponibilità in favore del lavoratore per le rimanenti 32 ore. L'utilizzo potrà avvenire entro il 30 settembre (anziché 30 giugno) dell'anno successivo e l'eventuale residuo dovrà essere retribuito a tale data.

• La flessibilità nella distribuzione dell'orario di lavoro (cd. "orario multi periodale") viene ridisegnata, stabilendo che l'azienda potrà avvalersi - per il personale full time - di forme programmate di orario settimanale fino ad un massimo di 48 ore per 20 settimane all'anno, cui corrisponderanno altrettante settimane ad orario ridotto per garantire l'orario contrattuale medio di 40 ore. Qualora nel corso dell'anno non sia stato realizzato il recupero delle ore aggiuntive, sarà liquidato il trattamento per lavoro straordinario.

L'avvio del programma di flessibilità dovrà essere preceduto da un esame congiunto tra la Direzione aziendale e la Rappresentanza Sindacale.

Il coinvolgimento in tali modelli organizzativi del personale part time potrà avvenire previo accordo aziendale o territoriale.

• La normativa relativa al rapporto di lavoro a tempo parziale viene confermata secondo le previsioni del CCNL 2010, con esclusione del peggioramento introdotto dal Decreto Legislativo n. 81/2015 in tema di collocazione dell'orario di lavoro per "fasce orarie": ciò salvaguarda il diritto fondamentale a veder indicata nella lettera di assunzione la "puntuale indicazione" dell'orario di lavoro. E' inoltre recepita la facoltà prevista dalla Legge per rinuncia da parte del lavoratore alla clausola elastica in presenza di motivazioni riconducibili allo stato di salute e all'assistenza al figlio.

• In tema di mercato del lavoro, si è contenuto il ricorso al contratto a tempo determinato nella misura prevista dal Decreto Legislativo n. 81/2015 (20%) e al contratto di somministrazione (10% riferito all'unità produttiva).

• Le clausole sociali relative al cambio di gestione sono maggiormente garantite attraverso una nuova procedura in capo alle imprese interessate; quanto ai subentri nelle attività di concessione autostradale, è stato definitivamente inserito nel CCNL il Protocollo realizzato nel 2015 che riconosce la fattispecie come cessione di ramo di azienda e, pertanto, con le tutele dell'art. 2112 c.c.

Per quanto attiene i subentri in altri rapporti di concessione o di locazione nei centri commerciali, si garantisce la salvaguardia occupazionale attraverso l'applicazione dell'art. 2112 c.c. o delle norme contrattuali per il cambio di gestione.

• L'istituto dello scatto di anzianità è confermato: è stata respinta la pretesa di abrogazione che aveva condizionato la trattativa in questi anni. Si è accolta una mediazione che prevede l'allungamento della maturazione da triennale a quadriennale, l'esclusione dell'incidenza sul trattamento di fine rapporto per il periodo 1 gennaio 2018/31 ottobre 2021, l'esclusione del

computo ai fini della 14a mensilità.

 

• Il prezzo del vitto in atto nelle varie provincie viene aumentato di 0,20 € dal 1 gennaio degli anni 2018-2019-2020-2021; si è precisato che nessuna trattenuta dovrà essere effettuata nei confronti del lavoratore che comunichi per iscritto entro dicembre dell'anno precedente l'intenzione di non usufruirne.

• Tutte le norme in materia di malattia, infortunio, maternità e congedi sono confermate secondo le previsioni del CCNL 2010.

E' innegabile che la valutazione circa questo accordo non possa prescindere dalla situazione complessiva determinatasi nei 4 anni trascorsi dalla scadenza del CCNL

2010. Un lungo periodo in cui abbiamo assistito alla disgregazione della controparte datoriale, con il tentativo delle imprese della Ristorazione di dotarsi di un proprio contratto nazionale (fallito dopo oltre tre anni di trattativa a fronte di pretese inaccettabili); all'aspro confronto con Fipe-Confcommercio, che aveva subordinato il rinnovo del contratto nazionale ad una serie di richieste di "restituzione" da parte dei lavoratori di permessi

retribuiti e scatti di anzianità, a fronte di un'ipotesi di aumento salariale irrisoria; ad una lunga serie di iniziative di mobilitazione, con manifestazioni e scioperi nazionali.

Oggi tutto ciò ha avuto termine, con un nuovo Contratto Nazionale che consegna una mediazione sicuramente più equilibrata e conveniente per i lavoratori e le lavoratrici.

Al termine di un'intensa sessione di trattativa condotta unitariamente, la UILTuCS ha deciso di sottoscrivere l'accordo. Nelle prossime ore Filcams Cgil comunicherà

la propria decisione, sciogliendo la riserva manifestata alla conclusione del negoziato.

Il testo completo dell'accordo – trattandosi della stesura integrale del nuovo

CCNL – sarà reso disponibile nei prossimi giorni.

Cordialmente.

Il Segretario Nazionale

(Stefano Franzoni)

Il Segretario Generale

(Brunetto Boco)

All./1-

Letto 37 volte

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito fa uso dei cookies

per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Prosegui se sei d'accordo.

Approvo