Visualizza articoli per tag: carrefour

UILTuCS, Filcams e Fisascat con il Gruppo Carrefour hanno sottoscritto l'ipotesi di rinnovo del contratto collettivo aziendale. L'accordo, che ha decorrenza Giugno 2017 e durata fino al maggio 2019, conferma l'impianto complessivo delle norme pattuite nel 2016 e mantiene le condizioni salariali in essere a valere per i dipendenti del gruppo. E' possibile mettere in evidenza anche i seguenti aspetti migliorativi:

Valore e forza al tema alla stabilità occupazionale con riferimento alla mobilità di Gruppo.

SALVAGUARDIA DELL'OCCUPAZIONE

L'Azienda e le OO.SS considerano il patrimonio occupazionale fattore importante per affrontare e superare la crisi. Fermo restando l'accordo sindacale sottoscritto in data 22 aprile 2017, l'Azienda si impegna ad una complessiva salvaguardia dei livelli occupazionali ed al mantenimento del perimetro Aziendale e ad assicurare un confronto periodico con le OO.SS. finalizzato a monitorare la qualità dell'occupazione in Azienda. A fronte di ristrutturazioni e/o chiusure che si rendessero necessarie in ragione di un peggioramento del contesto economico, l'Azienda si impegna a procedere in coerenza con quanto previsto dalle norme di legge e di Contratto Integrativo Aziendale, nonché ricercando soluzioni non traumatiche agli eventuali problemi occupazionali e favorendo ove possibile la ricollocazione interna al Gruppo del personale coinvolto. Le parti si impegnano ad incontrarsi al termine di ogni anno, per monitorare la situazione occupazionale dell'anno di riferimento e per valutare lo scenario economico.

Più importanza alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

L'Azienda ribadisce il proprio impegno affinché la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro siano sempre e comunque garantite, dando, con ciò, piena e convinta attuazione al D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni. Nell'ambito di tale normativa, vengono pertanto favoriti i confronti tra le rappresentanze a ciò preposte, finalizzati al miglioramento delle condizioni di lavoro. Nel secondo semestre di ogni anno, entro il mese di novembre, si terrà un incontro nazionale alla presenza degli RLS e dell'RSPP Aziendale. In tale occasione, l'Azienda si impegna a presentare una relazione annuale sullo "stato della salute e della sicurezza" nel Gruppo. I contenuti di tale rapporto verranno definiti dalle parti entro il 2017.

Valore e forza al coinvolgimento della rappresentanza dei lavoratori nelle politiche organizzative aziendali ed efficacia al ruolo delle strutture territoriali e della rappresentanza sindacale su organizzazione del lavoro, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e formazione permanente.

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Allo scopo di favorire livelli qualificati di efficienza e produttività e realizzare condizioni di stabilità occupazionale e flessibilità anche positiva delle prestazioni lavorative, in un contesto di costante mutamento dei livelli di concorrenza e del comportamento dei consumatori si conviene di prevedere un tempestivo confronto per punto vendita e/o per territorio, finalizzato a realizzare eventuali accordi sugli assetti organizzativi condivisi. Tali confronti saranno mirati anche ad equilibrare gli effetti sull'occupazione in ragione della ridefinizione degli organici funzionali a recuperi di efficienza, qualificazione e ampliamento dei livelli di servizio. Nell'ambito di tali incontri le parti si confronteranno sugli assetti organizzativi, gli organici, l'utilizzo degli impianti e la sicurezza nei luoghi di lavoro, il nastro orario di apertura al pubblico, i livelli di servizio, l'utilizzo di lavoro supplementare e straordinario, del lavoro somministrato e sulle attività appaltate/terziarizzate. Nell'ambito di tali confronti potrà essere altresì perseguita l'implementazione dei seguenti fattori: Orario di lavoro

o Flessibilità oraria giornaliera e/o settimanale programmata, finalizzata a garantire un efficace presidio dei flussi merci e clienti e portare attenzione alle esigenze di flessibilità positiva.

o Copertura del presidio a fronte di situazioni non prevedibili e non rientranti nella pianificazione oraria definita, con ricorso a soluzioni individuate nell'ambito dei singoli punti vendita.

Mansioni

o promiscuità, fungibilità e polivalenza da applicare all'interno delle singole unità produttive e tra i rispettivi settori e reparti.

I suddetti confronti saranno realizzati sulla base di proposte organizzative che prevedano la preventiva informazione, non inferiore a due settimane dalla data del primo incontro, sull'andamento del punto vendita/territorio sia sull'aspetto commerciale che sulla composizione dell'organico e delle ore lavorate, suddivise per specifiche tipologie contrattuali. Tali confronti dovranno concludersi entro 45 giorni dal loro avvio, salvo diverso accordo tra le parti.

Sperimentazione in tema di welfare aziendale.

PRODUTTIVITÀ E WELFARE AZIENDALE

Le parti convengono di incontrarsi, entro il mese di novembre del corrente anno, per valutare l'opportunità di definire, in via sperimentale in alcuni punti di vendita test che saranno successivamente identificati, un sistema premiante. Tale sperimentazione, da definirsi nelle modalità a livello negoziale nazionale, potrà prendere in considerazione indicatori di produttività, qualità e redditività utili a valorizzare premi di natura variabile da erogare anche sotto forma di welfare aziendale in considerazione di quanto previsto dalla L. 208/2015, come modificata dalla L. 232/2016. L'ipotesi di sperimentazione tiene conto temporalmente della possibile e auspicabile variazione in positivo del contesto economico complessivo e dell'andamento aziendale in essere al momento della sottoscrizione del presente accordo. Nel mettere in evidenza il ruolo positivo e determinante al buon esito della trattativa assicurato dalle strutture territoriali, si trasmette in allegato il testo dell'ipotesi di accordo. Seguirà a breve una nota inerente le modalità utili a realizzare la consultazione delle lavoratici e dei lavoratori del gruppo. Cordiali saluti Il Segretario Nazionale (Paolo Andreani)

Il Segretario Generale (Brunetto Boco)

Pubblicato in Notizie
Martedì, 22 Novembre 2016 10:56

Carrefour: comunicato ai lavoratori

Il coordinamento Nazionale delle Strutture e dei Rappresentanti Sindacali della UILTuCS valuta negativamente lo stato delle relazioni sindacali in essere con il Gruppo Carrefour e attende risposte.

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro

Maggiore partecipazione degli RLS e più investimenti sulla prevenzione: Le politiche della multinazionale in tema di maggior utilizzo degli impianti, terziarizzazione, e salvaguardia del patrimonio aziendale, reclamano più investimenti in materia e una attiva partecipazione degli RLS.

Ampliamento orari di apertura e H 24

Ora basta.... consolidiamo le ore lavorate. Le politiche di ampliamento degli orari di apertura fino alle ore 24 o per l'intera giornata (h.24), con la ridefinizione dell'offerta commerciale, dei servizi e degli assetti dell'organizzazione del lavoro hanno generato più problematiche che opportunità.

L'organizzazione del lavoro, spesso si riduce a scelta unilaterale dell'impresa, tanto che l'utilizzo del lavoro somministrato e dei voucher evidenziano la tendenza a destrutturare gli assetti stabili degli organici e delle ore lavorate. La UILTuCS chiede il consolidamento delle ore dei part-time e/o dell'occupazione degli oltre 800 lavoratori somministrati e di non procedere ulteriormente in tale politica se non a seguito di accordi sull'organizzazione del lavoro.

Terziarizzazioni

Definire un protocollo nazionale di regole. Il Gruppo sta intensificando i processi di terziarizzazione. E' necessario, per impedire l'impoverimento delle retribuzioni e la precarizzazione

dei rapporti di lavoro, definire un protocollo di regole di livello nazionale che preveda l'applicazione del CCNL della Distribuzione del Terziario e dei Servizi ai lavoratori coinvolti.

Voucher

Siamo contrari, se sono necessarie ore flessibili occorre consolidare l'orario di lavoro dei parttime.

E' sbagliato che una grande Multinazionale utilizzi i voucher, precarizzando l'attività lavorativa con il solo scopo di contenere il costo del lavoro.

Il Contratto Aziendale

Un nuovo premio di produttività e tanto Welfare aziendale. Dopo le ripetute disdette unilaterali del Gruppo, il ridimensionamento delle condizioni normative e salariali, è venuto il momento di

invertire la rotta. Le condizioni in essere, dal premio aziendale fisso (IFA) al lavoro domenicale, dalle pause retribuite al trattamento di malattia devono essere salvaguardate. Il"premio di

produttività" va rivisto negli obbiettivi e nei parametri. La UILTuCS ritiene necessario praticare la strada del Welfare aziendale per ridare forza alla contrattazione, e definire regole per

praticare una "organizzazione del lavoro condivisa" nelle unità produttive, rendendo protagoniste le Rappresentanze Sindacali.

 

Pubblicato in Notizie
Martedì, 17 Maggio 2016 18:14

Contratto integrativo Carrefour

Documentazione aggiornata in allegato.

Pubblicato in Notizie

In allegato l'ipotesi di accordo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Carrefour.

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

Sempre con voi

UIL Alessandria

© 2021. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy | Cookie Policy
Web by ModusOperandi

Search

No Internet Connection