Visualizza articoli per tag: tortona

CONCESSIONARIE AUTOSTRADE, LUNEDI' SCIOPERO DI 8 ORE E PRESIDIO A MONTECITORIO

Sciopero nazionale di 8 ore proclamato per lunedì prossimo, con un presidio in piazza Montecitorio a Roma (ore 10:30) di centinaia di lavoratori che arriveranno da tutta Italia, e altre 8 ore di sciopero nei giorni successivi gestite a livello territoriale. È la reazione dei sindacati FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil, alle novità emerse nella vertenza legata alle società controllate dalle concessionarie autostradali. Nei giorni scorsi, infatti, è stato bocciato l'emendamento proposto dai deputati Pd Borioli ed Esposito, che intendeva alzare dal 20% al 40% la percentuale dei lavori di manutenzioni e progettazione affidabili senza gara ai concessionari autostradali.

"L'inspiegabile bocciatura della proposta – spiegano le segreterie nazionali dei tre sindacati – è un colpo durissimo per i 3 mila operai e tecnici specializzati, che ora rischiano di essere licenziati, e vanifica il lungo lavoro svolto al tavolo interministeriale aperto dai ministeri dei Trasporti e dello Sviluppo economico, che era riuscito a trovare una soluzione per scongiurare questo ennesimo stillicidio di posti di lavoro. Evidentemente – accusano Feneal, Filca, Fillea – le pressioni delle lobbies hanno avuto la meglio sul parere dei due ministeri, sul rischio di mandare a casa 3mila lavoratori, sulla qualità del lavoro, sulla sicurezza delle stesse autostrade, sulla necessità di salvaguardare un pezzo strutturato di impresa italiana e di adottare un orientamento largamente diffuso in Europa.

Le 16 ore di sciopero ed il presidio a Montecitorio sono la nostra risposta all'atteggiamento della politica, che sta peraltro generando forti tensioni sociali sui territori e nei siti produttivi. Chiediamo con forza l'immediata convocazione del tavolo permanente presso il Mise e un intervento rapido e deciso di tutti gli interlocutori politici ed istituzionali per risolvere nel migliore dei modi questa delicata vertenza". Infine i sindacati non escludono nei prossimi giorni disagi sulla rete autostradale nazionale, per iniziative autorizzate di informazione a livello locale come ad esempio azioni di volantinaggio in prossimità dei caselli: "Chiediamo scusa sin d'ora agli utenti – dichiarano – ma la nostra battaglia è anche nel loro interesse, per garantire la massima sicurezza delle autostrade e la massima qualità del lavoro, fino ad oggi affidato a personale specializzato e professionalizzato", concludono Feneal, Filca, Fillea.

Pubblicato in Notizie

Lunedì prossimo sarà sciopero per i lavoratori in appalto che operano nei servizi cimiteriali e nelle pulizie del Comune di Tortona.

A seguito della proclamazione dello stato di agitazione dello scorso 19 luglio, dichiarato dopo il mancato rispetto dell'accordo siglato in Prefettura di Alessandria il 4 luglio, siamo stati costretti  a proclamare una giornata di sciopero di tutto il personale impegnato negli importanti servizi cimiteriali e di pulizie del comune tortonese.

Maura Settimo, segretario Uiltucs Alessandria: La situazione di incertezza ed instabilità economica dell'azienda I.D.S.C. Società Cooperativa, che dipende dalla mancata riscossione delle fatture da parte di Adigest Srl è ormai cronica, come dimostra il mancato pagamento dello stipendio di agosto.

Lo sciopero è stato fissato per lunedì prossimo, 25 settembre, per l'intero turno di lavoro.

I 15 lavoratori coinvolti saranno presenti in presidio lunedì mattina davanti al Comune di Tortona a partire dalle 9.

Pubblicato in Notizie

Non trova ancora soluzione la vertenza dei lavoratori delle concessionarie autostradali che lunedì 10 luglio sciopereranno in tutta Italia in difesa del lavoro, con presidi nelle autostrade a Frosinone, Pescara, Firenze e Tortona (Alessandria).

Sono 3000 i lavoratori che rischiano il licenziamento se Istituzioni e Governo non daranno una soluzione al problema creatosi con l'approvazione del nuovo Codice Appalti. La nuova norma, infatti, limita la possibilità per le concessionarie di eseguire direttamente manutenzioni e progettazione mettendo a repentaglio migliaia di posti di lavoro. Ma la vertenza dei lavoratori delle concessionarie autostradali è finalizzata non solo alla salvaguardia dell'occupazione ma anche alla qualità del lavoro e delle prestazioni effettuate nella manutenzione delle autostrade, e a garantire, quindi, la sicurezza degli automobilisti.

Per Rsu e sindacati è necessario dare risposte certe e rapide a questo problema e per questo hanno chiesto al Ministro Calenda di convocare un tavolo urgente che affronti la crisi delle aziende controllate dalle concessionarie, imprese che rappresentano, per il settore edile, il principale comparto industriale.

I PRESIDI

➢               FIRENZE –ore 10.00  Casello A1 di Firenze Scandicci

➢               TORTONA –ore 08.00 Casello A7 Parcheggio Conforama, uscita direzione Tortona

➢               PESCARA –9.00 Casello A14 di Città Sant'Angelo

➢               FROSINONE -ore 9.00 Casello A1

Pubblicato in Notizie

Lunedì 10 luglio sarà sciopero dei lavoratori delle concessionarie autostradali: STOPLiCENZiAMENTi!

Si preparano 3.000 LICENZIAMENTI per i lavoratori della manutenzione e progettazione autostradale.

Questo è quanto prevede la nuova Legge sugli appalti pubblici che impedisce alle società che fino ad oggi hanno operato sulle autostrade di proseguire le attività.

Il risultato delle pressioni esercitate dalle lobby dei costruttori è che le manutenzioni autostradali saranno effettuate da aziende non qualificate che rischiano di compromettere la sicurezza degli

automobilisti.

DICIAMO NO a questa legge assurda

CHIEDIAMO AL GOVERNO di intervenire per scongiurare l'ennesima macelleria sociale fatta sulla pelle dei lavoratori.

Chiediamo scusa a voi automobilisti per i disagi che arrecheremo rallentando la circolazione.

Con lo sciopero di vogliamo dire non solo NO ai licenziamenti ma anche NO a strade insicure per voi tutti!

Perché progettare e manutenere le autostrade è una specializzazione industriale che non si improvvisa!

# N o n B u t t a t e c i X S t r a d a

A TORTONA ORE 8:00 ritrovo nel Parcheggio di Conforama

Casello A7 Uscita direzione Tortona

Saranno presenti i lavoratori di: Liguria, Piemonte, Parma, Varese, Milano (Gruppo Gavio)

Locandina in allegato.

 

Pubblicato in Notizie

Le organizzazioni sindacali Uiltucs e Filcams Alessandria sono state costrette a proclamare lo stato di agitazione per i lavoratori addetti ai servizi pulizie e cimiteriali operanti nell'appalto del Comune di Tortona. La ragione è il cronico ritardo del pagamento degli stipendi al personale e la preoccupante instabilità economica dell'azienda I.D.S.C. Società Cooperativa, che in più occasioni aveva dichiarato le problematiche nella riscossione delle fatture tramite Adigest Srl. Ad oggi ci risulta siano stati versati soltanto degli acconti sullo stipendio.

Maura Settimo, segretario Uiltucs Alessandria: "Sono poche settimane fa avevamo annunciato la vittoria degli 11 lavoratori che avevano fatto causa per il recupero delle spettanze arretrate, con il riconoscimento da parte del giudice della responsabilità solidale sia del Comune di Tortona che anche di Adigest, capogruppo dell'appalto. Ci risulta che, nonostante la sentenza espressa in favore dei lavoratori, Adigest non stia comunque regolando la sua posizione sia nei confronti dei lavoratori dell'appalto I.D.S.C. che dei suoi stessi dipendenti."

Ricordiamo che le mansioni svolte dai lavoratori interessati, soprattutto dagli addetti ai servizi cimiteriali, sono considerate servizi essenziali e pertanto si è chiesto un incontro urgente in Prefettura ad Alessandria nel rispetto da quanto previsto dalla normativa sugli scioperi, che prevede prima l'avvio della procedura di raffreddamento.

Come Uiltucs Alessandria da mesi abbiamo chiesto all'Amministrazione comunale di Tortona la disponibilità ad un incontro per trovare una soluzione definitiva a questo problema, ma non è mai seguita alcuna risposta.

Pubblicato in Notizie

Comunicato sentenza ufficio vertenze UILTUCS Alessandria

Importante vittoria per undici lavoratori addetti ai servizi di pulizie, manutenzione e servizi cimiteriali, impegnati nell'appalto indetto dal Comune di Tortona.

La Sezione Lavoro del Tribunale di Alessandria ha infatti riconosciuto loro diritto a ricevere il pagamento delle differenze retributive ancora dovute.

Si tratta di somme trattenute e non versate, rivalutazione, interessi e spese in relazione al rapporto di lavoro intercorso con il precedente datore di lavoro, la società cooperativa TKV, ora in liquidazione coatta amministrativa.

L'obbligo di pagamento è a carico del Comune di Tortona, responsabile in quanto ente committente dei servizi nonché della società Adigest srl, capogruppo del raggruppamento temporaneo di imprese aggiudicatario dell'appalto.

Ricordiamo che la TKV aveva corrisposto ai lavoratori gli importi netti delle retribuzioni dopo le azioni giudiziali intentate con l'assistenza della UILTuCs di Alessandria con il patrocinio dello Studio Legale Ponzano & Berello di Alessandria, rifiutandosi tuttavia di versare le differenze dovute per interessi e rivalutazione e spese legali.

I Giudici del Lavoro, respingendo le opposizioni, hanno ora riconosciuto il diritto dei lavoratori ad ottenere il pagamento di ciò che gli spetta.

Pubblicato in Notizie

Questa mattina si è svolto un incontro sindacale alla Direzione Territoriale del Lavoro di Alessandria tra l'Amministrazione comunale di Tortona, alla presenza del Vice Sindaco Marcella Graziano con il Dirigente finanziario Dott.ssa Sabrina Mancini e l'Assessore alle Finanze Gianfranco Semino e la Uiltucs, a seguito della nostra richiesta di incontro avvenuta il 20 dicembre scorso in merito alla grave situazione relativa alla società Mazal Global Solution Srl che gestisce i servizi di riscossione tributi, affissioni e gestione dei parcheggi del Comune di Tortona.

Dopo un'articolata discussione tra le parti è stato sottoscritta un verbale di accordo dove l'Amministrazione comunale tortonese ha ribadito la validità dell'accordo sindacale siglato nel 2011 a garanzia dei livelli occupazionali dei lavoratori impegnati in questo servizio. A tal scopo si è confermato l'impegno per la tutela del personale coinvolto e l'inizio di un percorso di incontri sindacali con la Uiltucs per la garanzia dei futuri passaggi di appalto.

Si è concluso così positivamente il confronto di oggi, seguito anche da un'assemblea con i lavoratori coinvolti, che ricordiamo essere otto e tutt'ora in servizio, per aggiornarli sulla situazione.

Continuiamo a seguire la vicenda che sicuramente avrà sviluppi nei prossimi mesi.

Pubblicato in Notizie: UILTuCS
Mercoledì, 05 Ottobre 2016 10:02

19 ottobre: scioperano i lavoratori edili Itinera

Otto ore di sciopero per il 19 ottobre, stato di agitazione e astensione dallo straordinario: questa la decisione assunta ieri da Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil e coordinamento nazionale Rsa/Rsu e strutture sindacali territoriali e regionali delle aziende che effettuano lavorazioni in house per conto delle società concessionarie autostradali Itinera, Abc, Sicogen, Sea, Interstrade, Sina per il gruppo Gavio e Pavimental e Spea per Atlantia.

"Prendiamo atto che, nonostante gli impegni sottoscritti al Ministero delle Infrastrutture finalizzati ad affrontare il problema occupazionale determinato dalla nuova legge sugli appalti pubblici, sono iniziati i licenziamenti nelle aziende controllate dalle concessionarie autostradali" spiegano i sindacati . "Le concessionarie autostradali intendono utilizzare il biennio di transizione previsto dalla legge per licenziare progressivamente le maestranze e stanno adeguando in questo modo le loro strategie, non affidando più direttamente molti lavori alle controllate per rientrare nei limiti della legge".

Intanto prende il via la mobilitazione nazionale in difesa di circa 2mila posti di lavoro, un centinaio i lavoratori coinvolti in provincia di Alessandria, con lo sciopero di otto ore in tutte le imprese edili che effettuano lavorazioni in house per conto delle società concessionarie autostradali, "da effettuarsi a livello territoriale sui tronchi autostradali ed allargando lo stato di agitazione all'astensione dello straordinario a partire dalla data dello sciopero".

Precisano i Sindacati provinciali dei Lavoratori Edili: "Chiediamo l'istituzione urgente di un Tavolo di crisi presso l'ANCE per monitorare l'andamento della situazione, ed anche una maggiore attenzione nei confronti di tutti quei lavoratori che, nella nostra Provincia, lavorano per ITINERA, e che hanno contribuito a far crescere un'azienda storica".

Sempre il 19 ottobre le OO.SS hanno organizzato un presidio di protesta davanti alla sede della Regione Piemonte, in Piazza Castello a Torino.

Pubblicato in Notizie
Martedì, 27 Settembre 2016 02:00

Comunicato sindacale concessionarie autostradali

LUNEDI' 26 SETTEMBRE si è svolto a Roma presso la sede della Fillea Cgil la riunione del coordinamento nazionale RSA/RSU e strutture sindacali territoriali e regionali delle aziende che effettuano lavorazioni in house per conto delle società concessionarie autostradali: Itinera, Abc, Sicogen, Sea, Interstrade, Sina per il gruppo Gavio e Pavimental e Spea per Atlantia.

Le OO. SS. FENEALUIL FILCA CISL FILLEA CGIL unitamente al Coordinamento Nazionale prendono atto che, nonostante gli impegni sottoscritti al Ministero delle Infrastrutture finalizzati ad affrontare il problema occupazionale determinato dalla nuova legge sugli appalti pubblici, sono iniziati i licenziamenti nelle aziende controllate dalle concessionarie autostradali.

Le concessionarie autostradali intendono utilizzare il biennio di transizione previsto dalla legge per licenziare progressivamente le maestranze e stanno adeguando in questo modo le loro strategie .

Infatti le concessionarie non affidano più direttamente molti lavori alle controllate per rientrare nei limiti della legge.

Le OOSS non intendono avallare questa lenta smobilitazione delle aziende strutturate.

Chiedono al Governo di mantenere gli impegni presi sulle internalizzazioni e di escludere con il decreto correttivo le manutenzioni e le progettazioni dal conteggio del 20% in quanto funzioni essenziali per qualsiasi concessionaria di un bene pubblico.

Chiedono alle imprese ed alle concessionarie di fermare i licenziamenti e di predisporre dei piani industriali che salvaguardino l'occupazione nelle società controllate.

Per sostenere queste richieste :

-indicono otto ore di sciopero in tutte le imprese edili che effettuano lavorazioni in house per conto delle società concessionarie autostradali, da effettuarsi a livello territoriale il giorno 19 ottobre sui tronchi autostradali.

-sollecitano le holding Atlantia e Sias ad aprire un vero confronto sui piani industriali

-allargano lo stato di agitazione all'astensione dello straordinario a partire dalla giornata di lotta indetta.

Il coordinamento delega le segreterie nazionali ad indire una giornata di lotta nazionale con manifestazione a Roma per sostenere le nostre richieste di correzione della legge.

Le strutture territoriali sono impegnate ad informare i lavoratori con le assemblee e a rendere incisiva la giornata di lotta del 19 ottobre.

LE SEGRETERIE NAZIONALI

FENEALUIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL

Pubblicato in Notizie

In allegato il protocollo d'intesa per la realizzazione del progetto condiviso di sviluppo del territorio piemontese per valorizzare le opportunità legate alla linea AC/AV Terzo Valico dei Giovi. I Comuni interessati sono quelli attraversati dal tracciato della nuova linea e dai depositi degli inerti prodotti dai cantieri: Alessandria, Arquata Scrivia, Fraconalto, Novi Ligure, Pozzolo Formigaro, Serravalle Scrivia, Tortona, Voltaggio, Carrosio, Gavi, Vignole Borbera.

Ieri la firma è avvenuta in Prefettura ad Alessandria. Presente all'incontro anche il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio.

Pubblicato in Notizie
Pagina 1 di 3

Sempre con voi

AREA STAMPA

UIL Alessandria

© 2021. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy | Cookie Policy
Web by ModusOperandi

Search

No Internet Connection