Visualizza articoli per tag: vigilanza privata

Oggi 1° agosto e domani 2 agosto sarà sciopero nazionale unitario dei lavoratori del comparto Vigilanza privata.

Le Guardie Giurate e Servizi Fiduciari non armati si riuniranno in presidio domani 1 agosto a Torino in Piazza Castello davanti alla Prefettura dalle 10.30 alle 13.30.

Le ragioni dello sciopero sono il rinnovo del contratto, scaduto quasi quattro anni fa e dopo anni di trattativa le aziende propongono la riduzione del trattamento di malattia e di infortunio, l'aumento delle ore di servizio giornaliere e la modifica del regolamento sul riposo settimanale.

Maura Settimo, Segretario UILTUCS Alessandria: "Si tratta di proposte peggiorative per la qualità lavorativa delle guardie per un settore che vede i lavoratori in prima linea, soggetti spesso a grossi rischi a fronte di una proposta economica certamente non adeguata all'attività svolta. Queste le ragioni che hanno portato alla proclamazione delle due giornate di sciopero con presidio di domani.

Da Alessandria e provincia partiranno diversi lavoratori che rappresentano tutte le aziende di Vigilanza Privata del territorio per partecipare al presidio. Sono previsti dunque disagi per tutte e due le giornate perché riteniamo che l'adesione allo sciopero sarà molto alta".

Pubblicato in Notizie
Mercoledì, 10 Aprile 2019 10:08

Ccnl Vigilanza privata, passi avanti: le proposte

È ripreso il confronto per il Ccnl Vigilanza Privata sulla base della proposta avanzata dalle organizzazioni sindacali in tema di classificazione unica: si prevede la suddivisione in 3 aree professionali (amministrativa, personale decretato, personale non decretato), con la definizione di profili per ciascuna di esse, nell'ambito di uno schema unico per livelli di inquadramento e di retribuzione.

È l'impostazione coerente con il modello tradizionalmente stabilito in tutti i Ccnl, che dovrebbe superare il dualismo creato con il Ccnl 2013, consapevoli che le differenze allora create sono notevoli e difficilmente superabili (dal punto di vista salariale) in una sola fase negoziale.

Le associazioni datoriali hanno manifestato una parziale disponibilità, ribadendo l'esigenza di conservare i livelli salariali di ingresso (forse eliminando l'attuale livello F del personale non decretato).

In sostanza, prevale un orientamento finalizzato a mantenere livelli salariali ormai ritenuti inadeguati dalla Magistratura persino rispetto all'articolo 36 della Costituzione.

Sul tema del cambio di appalto, ancora una volta si deve prendere atto della indisponibilità alla revisione del parametro (48 ore x 48 settimane), mentre sembra palesarsi una disponibilità concreta alla modifica della procedura ed al rafforzamento delle tutele.

I sindacati di categoria hanno nuovamente evidenziato l'esigenza di imprimere una accelerazione al negoziato, volto ad identificare in modo chiaro le condizioni per una positiva conclusione in tempi ragionevoli.

Nella prossima sessione di confronto (16 e 17 aprile a Bologna – luogo da definire), Filcams, Fisascat e UILTuCS presenteranno testi in merito ad argomenti di carattere normativo: permessi e congedi, previdenza ed assistenza sanitaria integrative, salute e sicurezza, contrattazione di secondo livello, apprendistato.

Hanno richiesto che anche da parte delle associazioni datoriali si forniscano posizioni per iscritto al fine di poter discutere in modo chiaro e verificabile.

Pubblicato in Notizie

Le organizzazioni sindacali Fisascat-Cisl, Filcams-Cgil e UILTuCS hanno proclamato formalmente per il prossimo 4 maggio 2018 lo sciopero generale delle lavoratrici e dei lavoratori a cui viene applicato il CCNL per i Dipendenti da Istituti ed Imprese della Vigilanza Privata e dei Servizi Fiduciari scaduto oramai dal 31 dicembre 2015. Ricordiamo che il settore fa parte dei servizi pubblici essenziali e pertanto la proclamazione è avvenuta tenendo conto della normativa e riguarda tutti i lavoratori del settore.

Lavoratrici e lavoratori del settore daranno vita ad una grande giornata di mobilitazione nella Capitale per rimuovere la cortina di silenzio e di disattenzione che caratterizza costantemente ciò che accade ad una categoria quanto mai essenziale per garantire condizioni di sicurezza reale presso contesti ed ambiti operativi contraddistinti da indici di rischio assai elevati.

Le richieste dalle controparti datoriali sono irricevibili e prevedono un peggioramento delle condizioni di lavoro:   l'estensione a 45 ore dell'orario normale di lavoro, peggioramento del pagamento delle giornate di malattia, diminuzione del salario, riduzione delle garanzie di assunzione in caso di cambio di appalto.

Lo sciopero si attuerà con l'astensione dal lavoro per l'intero turno di venerdì 4 maggio 2018 delle lavoratrici e dei lavoratori del settore, ovverosia con la sospensione delle prestazioni lavorative in programma dalle 00:00 alle 24:00 di tale giornata

Pubblicato in Notizie
Lunedì, 23 Aprile 2018 10:24

Vigilanza privata: sciopero il 4 maggio

Nella giornata del 23 marzo 2018, le organizzazioni sindacali Fisascat-Cisl, Filcams-Cgil e UILTuCS hanno provveduto, nel rispetto delle norme sull'esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali e sulla salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente tutelati e delle conseguenti regolamentazioni attuative di settore che ricomprendono le attività facenti parte dei servizi di sicurezza, a proclamare formalmente per il prossimo 4 maggio 2018 lo sciopero generale delle lavoratrici e dei lavoratori a cui viene applicato il CCNL per i Dipendenti da Istituti ed Imprese della Vigilanza Privata e dei Servizi Fiduciari scaduto oramai dal 31 dicembre 2015.

Lo sciopero generale della categoria, resosi necessario a seguito del negativo esito della procedura di raffreddamento e conciliazione tenutasi lo scorso 19 gennaio, è l'unico ed estremo atto di contrasto alle posizioni delle associazioni datoriali volte a ridurre drasticamente diritti e garanzie attualmente previsti dal CCNL.

L'elenco delle richieste sottoposte ai sindacati dalle controparti datoriali contiene elementi che, se fossero accolti, farebbero retrocedere le condizioni materiali delle lavoratrici e dei lavoratori del settore di decenni: l'estensione a 45 ore dell'orario normale di lavoro per le GPG impiegate nei servizi di vigilanza fissa, l'abbattimento della durata oraria settimanale minima del part-time, la riduzione del periodo di comporto utile ai fini della conservazione del posto di lavoro, la compressione delle modalità di fruizione dei permessi della legge 104/92 ed il superamento della copertura economica dei primi tre giorni di assenza per malattia, se si affermassero, spoglierebbero lavoratrici e lavoratori di tutele, garanzie e diritti conquistati a prezzo di sacrifici, lotte e mobilitazioni. Sul tema del cambio di appalto, posto con forza dalle organizzazioni sindacali alla luce dei problemi vissuti in questi ultimi anni, la risposta consegnataci antepone una pregiudiziale legale che indebolirebbe ancor di più le tenue tutele esistenti.

Al fine di dare visibilità alla mobilitazione della categoria, le Segreterie nazionali hanno inteso promuovere, nell'ambito della giornata di sciopero del prossimo 4 maggio, una manifestazione nazionale a Roma.

Lavoratrici e lavoratori del settore, sono invitati a dare vita ad una grande giornata di mobilitazione nella Capitale per rimuovere la cortina di silenzio e di disattenzione che caratterizza costantemente ciò che accade ad una categoria quanto mai essenziale per garantire condizioni di sicurezza reale presso contesti ed ambiti operativi contraddistinti da indici di rischio assai elevati.

Lo sciopero si attuerà con l'astensione dal lavoro per l'intero turno di venerdì 4 maggio 2018 delle lavoratrici e dei lavoratori del settore, ovverosia con la sospensione delle prestazioni lavorative in programma dalle 00:00 alle 24:00 di tale giornata, mentre per le GPG addette – nell'ambito dei servizi aeroportuali – al controllo dei passeggeri in partenza ed in transito, al controllo radioscopico o con altri tipi di apparecchiature del bagaglio al seguito dei passeggeri ed al controllo radioscopico o con altri tipi di apparecchiature dei bagagli da stiva, della merce e dei plichi dei corrieri espresso, l'astensione dal lavoro riguarderà esclusivamente le prime 4 ore del primo turno di lavoro della giornata di venerdì 4 maggio 2018.

Seguiranno indicazioni di dettaglio relative agli obiettivi organizzativi di partecipazione.

Pubblicato in Notizie

Il Coordinamento unitario dei quadri e delegati di Fisascat-Cisl, Filcams-Cgil e Uiltucs riunitosi a Roma nella giornata del 15 dicembre 2017 ha fatto il punto della situazione rispetto al negativo andamento della trattativa per il rinnovo del CCNL .

È opinione unanime dei rappresentanti sindacali dei lavoratori del comparto dei servizi di sicurezza forniti da privati che sia necessario imprimere, già dalle prossime settimane, una svolta al negoziato, in quanto un CCNL scaduto dal 31 dicembre 2015 non può oggettivamente esercitare quel ruolo di riferimento solido ed efficace che la normativa italiana affida al contratto collettivo nel settore della vigilanza, anche nella selezione, in seno alle libere dinamiche di mercato, degli operatori più seri.

Dai numerosi interventi, che hanno offerto un dibattito franco ed aperto, è emersa in maniera univoca la necessità di contrastare e respingere ai mittenti lo spregiudicato tentativo posto in essere da parte delle associazioni datoriali firmatarie il CCNL di far passare l'idea che, tutto sommato, il lungo tempo decorso dalla scadenza del contratto non sia un aspetto deleterio e, quindi, la prova inequivocabile della incapacità patologica del sistema delle relazioni sindacali di concentrarsi sugli aspetti strategici ed essenziali per il settore e la categoria, ma la "normalità" a cui tutti, e per primi le lavoratrici ed i lavoratori, debbono rassegnarsi.

E' nostra convinzione, invece, rivendicare il diritto inalienabile ad avere un contratto collettivo nazionale di lavoro che affronti i temi, che sono già stati variamente discussi ed approfonditi nel corso dei lunghi mesi di trattativa, e rispetto ai quali le OO.SS. hanno elaborato delle proposte scritte sottoposte alle proprie controparti, come la rivisitazione della sfera applicativa, il sistema di classificazione del personale, il cambio di appalto e/o affidamento di servizio, i contenuti della contrattazione di secondo livello.

Le Segreterie nazionali hanno ricevuto - da parte del Coordinamento unitario dei delegati e quadri - un chiaro mandato ad operare le debite scelte in termini di mobilitazione qualora si riscontrasse da parte associativa una sostanziale continuità di comportamenti finalizzati unicamente a ritardare le fasi della stretta conclusiva del negoziato sulla questione degli incrementi retributivi da riconoscere alla categoria.

Il Coordinamento ha inoltre puntualizzato che, contestualmente all'auspicata firma del rinnovo del CCNL, occorrerà richiamare il Ministero dell'Interno ed i suoi subordinati livelli territorialmente competenti ad una scrupolosa applicazione di quanto previsto dal DM 269/2010 sulla Disciplina delle caratteristiche minime del progetto organizzativo e dei requisiti minimi di qualità degli istituti e dei servizi di cui agli articoli 256-bis e 257-bis del Regolamento di esecuzione del TULPS, nonché dei requisiti professionali e di capacità tecnica richiesti per la direzione e per lo svolgimento di incarichi organizzativi nell'ambito degli stessi istituti, in quanto si fanno sempre più diffusi i casi nei quali operatori disinvolti ed incuranti delle regole riescono ad aggiudicarsi appalti pubblici e servizi privati a discapito della parte sana del settore.

Filcams Cgil Fisascat Cisl Uiltucs

Roma, 20-12-2017

Pubblicato in Notizie
Mercoledì, 04 Ottobre 2017 10:45

CCNL Vigilanza Privata - Sicurezza

Nell'incontro del 2 ottobre le OO.SS. hanno avanzato proposte in merito a "Sfera di applicazione", "Contrattazione di II livello e Diritti di informazione", "Classificazione" e "Cambio di appalto".

La "Sfera di applicazione" è già stato oggetto di confronto ma permangono ancora elementi di divergenza rispetto ad alcune attività, annoverabili a nostro giudizio esclusivamente tra quelle accessorie. Riguardo alla "contrattazione di II livello", qualora non si proceda al recepimento/armonizzazione delle regole previste negli accordi interconfederali, è necessario almeno operare qualche correttivo rispetto a quanto previsto dal precedente CCNL (per materie demandate, premio di risultato ecc.). Quanto alla "classificazione", la proposta è limitata all'impostazione: un sistema unico per superare il dualismo esistente nel CCNL 2013, articolato su 6 livelli più uno (Quadri), al cui interno inserire profili e mansioni. Per il "cambio di appalto" è stata avanzata una radicale riformulazione della norma esistente.

Le Associazioni, seppure con qualche distinguo, hanno manifestato forte perplessità in via di principio rispetto alla "classificazione unica", senza però addurre nel merito ragioni oggettive. Rispetto alla contrattazione integrativa, hanno nuovamente insistito per il superamento di accordi locali in contrasto (perché migliorativi) con il CCNL: una richiesta rigettata dalla OO.SS. per motivi facilmente intuibili.

La proposta relativa al "cambio di appalto" non è stata approfondita ed è rinviata alla prossima riunione; non sfugge che la discussione sul punto è fondamentale, anche alla luce di quanto dichiarato dalle controparti nella scorsa riunione circa la pregiudiziale posta tra legislazione (art. 29 DLgs. 276/2003, art. 2112 c.c.) e clausole sociali.

Il confronto proseguirà nei giorni 25 ottobre e 17 novembre, sempre a livello di delegazione. Si ritiene utile sviluppare una puntale informazione tra i lavoratori della Vigilanza

Privata e della Sicurezza (non decretati) sull'andamento della vertenza in considerazione del tempo già trascorso dalla presentazione della piattaforma e dell'andamento del confronto.

Cordiali saluti

Il Segretario Nazionale

(Stefano Franzoni)

Il Segretario Generale

(Brunetto Boco)

Pubblicato in Notizie

Si è tenuto il 13 settembre 2017 l'incontro per il rinnovo del CCNL Vigilanza Privata. Le associazioni datoriali hanno presentato due documenti afferenti la "sfera di applicazione" e il "cambio di appalto".

Relativamente al primo argomento, già abbondantemente discusso nelle precedenti riunioni, si registrano ancora differenze di posizione rispetto a quanto proposto dai sindacati con riferimento alla impostazione per le attività di Sicurezza (ex "portierato" o "servizi fiduciari"), nel cui ambito dovrebbe rientrare l'intero processo lavorativo attinente la contazione e il servizio di reception.

Si è poi aggiunta una riflessione relativamente all'attività di investigazione, oggi disciplinata solo da contratti sottoscritti da soggetti extra Confederali. Quanto alla "validità ed efficacia" della contrattazione, viene reiterato il tentativo di decretare la decadenza della contrattazione integrativa laddove preveda norme di miglior favore rispetto al CCNL.

Per il "cambio di appalto", le associazioni datoriali hanno illustrato una "premessa" definita "pregiudiziale" al mantenimento della clausola sociale. In sostanza, le controparti pretendono una definizione che precluda al rischio di configurazione del subentro nella gestione quale cessione di ramo di azienda.

La richiesta scaturisce da diversi pronunciamenti giurisprudenziali (soprattutto europei) e dalla riforma del DLgs. 276/2003 recentemente varata. Le organizzazioni sindacali hanno espresso insoddisfazione per l'impostazione complessiva del negoziato che non riesce ad avanzare sui pochi temi finora trattati.

Quanto al "cambio di appalto", è impensabile che si acceda ad una soluzione atta solo a favorire le imprese (e indebolire la difesa in via giudiziale del lavoratore), tanto meno in assenza di una profonda riforma dell'attuale articolato contrattuale in materia.

Per far avanzare la discussione, le parti si sono impegnate a formulare proposte di testo anche su altri argomenti in vista del prossimo incontro fissato per il 2 ottobre.

Pubblicato in Notizie

Oggetto: CCNL Vigilanza e Sicurezza

Nell'incontro di ieri 27 giugno si è affrontato, in seduta plenaria, il tema del cambio di appalto. Oltre a ribadire quanto già indicato in Piattaforma ed in particolare la necessità che su questa materia si pervenga ad una regolamentazione più efficace di quanto precedentemente stabilito e valida per tutto il personale interessato (compresi gli addetti non decretati), abbiamo sottolineato che l'argomento è stato interessato da modifiche normative rilevanti che rafforzano l'esigenza suddetta: dalla modifica apportata al DLgs. 276/2003, ai Decreti del Job's Act, fino al DLgs. 50/2016 e successive modifiche (Codice Appalti). E' poi necessario, una volta per tutte, comprendere se le Associazioni Datoriali e le Aziende da loro rappresentate intendono definire norme cui viene data attuazione o si intende persistere nei comportamenti elusivi che spesso abbiamo riscontrato.

Tutte le Associazioni datoriali hanno manifestato disponibilità in questa direzione, con una sottolineatura da parte di ASSIV rispetto alla connessione tra cambio di appalto e trasferimento di ramo di azienda (DLgs. 276/2003) che andrebbe esclusa. E' chiaro che tale condizione non è in sé accettabile per le evidenti ripercussioni sotto il profilo giuridico qualora il cambio appalto non sia attuato secondo le norme contrattuali.

Nella seduta ristretta, si è ritornati sugli argomenti della rappresentanza e rappresentatività nonché della bilateralità.

Posto che non vi sono le condizioni per addivenire ad un Protocollo specifico sul primo tema (la natura Confederale non lo consente e i Protocolli esistenti non sono in sé armonizzabili), abbiamo ribadito l'esigenza di definire, per via contrattuale, norme specifiche relative alla Rappresentanza Sindacale e per la contrattazione integrativa. Quanto alla bilateralità, non può rinviarsi una rivisitazione dell'impianto esistente per Ebinvip e un aggiornamento delle prestazioni per Fasiv, sulla falsariga di quanto già realizzato dalle OO.SS. in contesti similari. Le Associazioni datoriali hanno manifestato disponibilità in merito, ma ancora una volta sarà compito delle OO.SS. formulare una proposta di merito.

Il negoziato prosegue il 10 luglio alle ore 11,00 in delegazione trattante e il 13 settembre e il 2 ottobre.

Cordiali saluti.

Il Segretario Nazionale

(S. Franzoni)

Il Segretario Generale

(Brunetto Boco)

Pubblicato in Notizie
Lunedì, 08 Maggio 2017 10:56

UILTuCS sul CCNL Vigilanza Privata

L'incontro tenutosi ieri ha affrontato nuovamente il tema della sfera di applicazione e, per la prima volta, la materia della rappresentanza e rappresentatività.

Sul primo aspetto, le posizioni paiono avvicinarsi anche se permangono alcuni tentativi delle Associazioni di conservare formulazioni che possano consentire margini di ambiguità. Le attività cui si riferisce il CCNL sarebbero: servizi di Vigilanza Privata, secondo le previsioni del DM 269/2010; i Servizi di Sicurezza, in cui sono comprese le attività riservate al personale non decretato e le "attività ausiliarie, in quanto strumentali ed accessorie, anche per previsione dei contratti di appalto, ai servizi di Vigilanza Privata e di Sicurezza: front desk, reception e centralino telefonico, ricezione e smistamento di corrispondenza"; i Servizi i controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi di lavoro al pubblico o in pubblici esercizi; le attività di stewarding all'interno degli impianti sportivi.

Quanto al tema della rappresentanza e rappresentatività, il confronto ha rivelato diverse difficoltà. Come noto, nel nostro caso, si presenta il problema di definire norme che sono state oggetto di tre accordi interconfederali (Confcommercio, Confindustria, Cooperazione) e che contengono diversi elementi di differenza.

Ciascuna Associazione datoriale ha espresso il vincolo politico di inderogabilità per il rispettivo accordo di riferimento. Per parte sindacale, si è evidenziato che ciò renderebbe inagibile qualunque soluzione e che per alcune materie si produrrebbe un "vuoto" normativo: è il caso della rappresentanza sindacale unitaria e della contrattazione di secondo livello.

Si è poi accennato alla bilateralità, in cui abbiamo manifestato l'esigenza improcrastinabile di procedere ad una rivisitazione integrale di EBINVIP sotto il profilo statutario, del funzionamento, della gestione delle risorse, del rapporto con gli EBR. Ciò può avvenire secondo quanto già realizzato in tema di governance nel Terziario.

Le Associazioni datoriali hanno espresso una disponibilità in via di principio, ma precisando l'indisponibilità a riferirsi in via esclusiva a quanto definito da una Confederazione

datoriale. Il negoziato prosegue il 19 maggio in sede planaria (ore 10.30 presso Cooperazione, via Torino – Roma) e il 14 giugno per la delegazione trattante.

 

Il Segretario Nazionale

(Stefano Franzoni)

Il Segretario Generale

(Brunetto Boco)

Pubblicato in Notizie: UILTuCS

Si è tenuto ieri il primo incontro per l'avvio del negoziato per il CCNL Vigilanza Privata.

Dopo la consueta presentazione della Piattaforma rivendicativa, si sono registrate dichiarazioni di disponibilità alla trattativa da parte di tutte le Associazioni Datoriali; non sono

tuttavia mancate sottolineature circa lo stato di grave difficoltà in cui versa il settore nonché le vicende negative che stanno coinvolgendo alcune grandi aziende.

Come UILTuCS abbiamo espresso la volontà di addivenire ad un accordo fondato su alcuni capisaldi: la necessità di coerenza nei comportamenti dei soggetti negoziali, che non

possono pretendere di essere al contempo attori protagonisti e contraddire le norme ogni qualvolta si è chiamati ad applicarle nell'azione quotidiana; l'esigenza di riferirsi ad una sfera di applicazione rispondente all'attività della sicurezza, così come individuata dalla normativa di legge; il riconoscimento chiaro e sostanziale della contrattazione collettiva come strumento di gestione delle problematiche, da realizzarsi con soggetti realmente rappresentativi; il recupero della dignità professionale, da sviluppare sia nell'organizzazione del lavoro che nel profilo salariale.

Anche su questo, pur con qualche distinguo, le Associazioni hanno manifestato interesse ad approfondire tutti i temi della piattaforma.

Si è convenuto un incontro per il 7 novembre al fine di individuare metodologia e

tempistica del negoziato.

Cordiali saluti.

Il Segretario Nazionale

(Stefano Franzoni)

Il Segretario Generale

(Brunetto Boco)

Pubblicato in Notizie
Pagina 1 di 2

Sempre con voi

AREA STAMPA

UIL Alessandria

© 2021. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy | Cookie Policy
Web by ModusOperandi

Search

No Internet Connection