Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   
slide_uilbandiere

Tesseramento 

sample image Tutti i vantaggi del tesseramento UIL e le convenzioni
Scopri

Galleria Fotografica 

sample image La nostra galleria fotografica aggiornata in tempo reale
Guarda

Le domande ricorrenti 

sample image Leggi le definizioni dei termini più frequenti
Leggi

banner grigi 300x200px

In Primo Piano 

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

"Bonus mamma" di 800 euro. Le …

"Bonus mamma" di 800 euro. Le domande all'INPS dal 4 maggio

Da giovedì 4 maggio 2017 si può inoltrare domanda all'INPS per ottenere il premio alla nascita o "bonus mamma", di 800 euro una tantum, introdotto dalla legge di Bilancio e...

Read more

Temporanea incapacità lavorativa per mal…

Temporanea incapacità lavorativa per malattia: riduzione del periodo di prognosi

Con la circolare 79 del 2 maggio 2017, vengono forniti chiarimenti sull'obbligo di rettifica della prognosi in caso di variazioni rispetto al certificato in corso. Si ricorda che, in caso di...

Read more

Dichiarazione dei redditi: elenco dei do…

Dichiarazione dei redditi: elenco dei documenti necessari alla compilazione

Elenco documenti necessari alla compilazione: - Dichiarazione dei redditi anno precedente mod 730/2016 o mod. UNICO/2016, in assenza la CU 2016 redditi 2015. - Documento d'identità' valido - Codice fiscale o tesserino sanitario e...

Read more
Martedì, 17 Aprile 2018 08:46

Fattorini e gig economy: primo incontro al Comune di Milanodi master

Il 13 aprile 2018 si è tenuto nella sala commissioni della Direzione Economia Urbana e Lavoro – Area Attività produttive e Commercio del Comune di Milano il primo incontro tra i rappresentanti della segreteria dell'assessore Cristina Tajani e le sigle sindacali confederali lombarde di Cgil, Cisl e Uil, con i rappresentanti delle categorie dei trasporti, del terziario e degli autonomi, per discutere delle condizioni di lavoro, sicurezza e occupazionali dei rider milanesi.

Fiorella Imprenti, dell'ufficio di segreteria dell'assessore Tajani, ha spiegato come il Comune di Milano abbia già ricevuto alcuni gruppi di lavoratori ma non abbia potuto raccogliere le istanze dei fattorini seguendo i princìpi del protocollo sulle relazioni sindacali. Un protocollo che prevede un rapporto con le organizzazioni sindacali all'interno dell'Osservatorio permanente del mercato del lavoro.

Tuttavia, ha sottolineato la necessità di trovare un dialogo tra le istituzioni, le aziende e le parti sociali, vista la crescente dimensione occupazionale relativa al settore delle consegne a domicilio nella città di Milano.

A tal proposito, ha ribadito l'importanza della sicurezza stradale e del recente protocollo sulla sicurezza firmato con la Prefettura.

Quindi, ha concluso con la proposta di definire un documento per il buon lavoro in città, oltre a prevedere delle iniziative con la polizia locale.

Le organizzazioni sindacali hanno evidenziato la necessità di creare le condizioni per arrivare all'incontro tra aziende e lavoratori e ribadito l'importanza della sicurezza del lavoro.

La UILTuCS nazionale, dopo aver illustrato il lavoro svolto in questi ultimi due anni nel cercare di ascoltare e raccogliere i bisogni dei fattorini della gig economy e aver incontrato i rappresentanti di Deliveroo a Milano, ha proposto di prendere a riferimento la "Carta di Francoforte", la proposta di aggiornamento della Direttiva europea sui contratti e le policy proposte da Uni Europa sul lavoro delle piattaforme digitali, per realizzare un documento da presentare alle aziende.

È stato inoltre evidenziato, dalla UILTuCS, come il fenomeno della gig economy riguardi anche il lavoro fatto prettamente sulle piattaforme online, dalla moderazione di contenuti digitali allo sviluppo web, al web design – solo per citarne alcuni – che riguarda migliaia di lavoratori che, in maniera del tutto invisibile, prestano le proprie competenze con pochi diritti e tutele e scarsi riconoscimenti economici al ribasso.

Inoltre, la UILTuCS ha proposto di coinvolgere direttamente questi lavoratori presenti sul territorio milanese per far sì che si possa avere anche una loro rappresentanza, sulla scorta della Carta dei diritti di Bologna.

Il prossimo passaggio prevede un incontro tra l'assessorato milanese e le aziende del food delivery, prima di un nuovo incontro con le organizzazioni sindacali finalizzato a dare seguito alle proposte formulate.

Letto 35 volte

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito fa uso dei cookies

per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Prosegui se sei d'accordo.

Approvo