Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   
slide_uilbandiere

Tesseramento 

sample image Tutti i vantaggi del tesseramento UIL e le convenzioni
Scopri

Galleria Fotografica 

sample image La nostra galleria fotografica aggiornata in tempo reale
Guarda

Le domande ricorrenti 

sample image Leggi le definizioni dei termini più frequenti
Leggi

banner grigi 300x200px

In Primo Piano 

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

"Bonus mamma" di 800 euro. Le …

"Bonus mamma" di 800 euro. Le domande all'INPS dal 4 maggio

Da giovedì 4 maggio 2017 si può inoltrare domanda all'INPS per ottenere il premio alla nascita o "bonus mamma", di 800 euro una tantum, introdotto dalla legge di Bilancio e...

Read more

Temporanea incapacità lavorativa per mal…

Temporanea incapacità lavorativa per malattia: riduzione del periodo di prognosi

Con la circolare 79 del 2 maggio 2017, vengono forniti chiarimenti sull'obbligo di rettifica della prognosi in caso di variazioni rispetto al certificato in corso. Si ricorda che, in caso di...

Read more

Dichiarazione dei redditi: elenco dei do…

Dichiarazione dei redditi: elenco dei documenti necessari alla compilazione

Elenco documenti necessari alla compilazione: - Dichiarazione dei redditi anno precedente mod 730/2016 o mod. UNICO/2016, in assenza la CU 2016 redditi 2015. - Documento d'identità' valido - Codice fiscale o tesserino sanitario e...

Read more
Mercoledì, 05 Dicembre 2018 09:23

10° Rapporto UIL sulla cassa integrazione

In allegato il 10° Rapporto UIL sulla cassa integrazione con i dati riferiti ad ottobre di quest'anno.

L'elaborazione dei dati comprende anche l'andamento complessivo dell'ammortizzatore sociale nel periodo gennaio-ottobre, con analisi condotta per macro aree, Regioni, Province e settori produttivi.

Qui sotto le dichiarazioni di Gianni Cortese, SEgretario UIL Piemonte:

10° rapporto 2018 sulla cassa integrazione in Piemonte

PRIMI DIECI MESI DEL 2018: IN PIEMONTE LA CIG SCENDE DEL 19,1%, MA NEL RAFFRONTO TRA OTTOBRE E SETTEMBRE CRESCE DEL 340,9%

In Italia, nei primi dieci mesi del 2018, come evidenziano i dati del Servizio politiche attive e passive del lavoro della UIL Nazionale, sono state richieste 181.251.327 ore di cassa integrazione, in discesa del 39,8% rispetto allo stesso periodo del 2017.

In Piemonte la richiesta è stata di 23.735.999 ore, in diminuzione del 19,1% (-1,4% ordinaria, -27,6% straordinaria, -100% deroga).

La media mensile dei lavoratori piemontesi tutelati è stata di 13.951, con un calo di 3.057 unità rispetto all'anno precedente.

Il Piemonte si conferma al 2° posto per richieste di ore di cassa integrazione, preceduto dalla Lombardia.

DATI PROVINCIALI

L'andamento delle ore nelle province piemontesi, nel confronto tra primi dieci mesi del 2018 e del 2017, è stato il seguente: Verbania +92,9%, Cuneo +55%, Torino -16,1%, Alessandria -31,5%, Vercelli -41,7%, Asti           -48,8%, Novara -58,2%, Biella -61,6%.

Torino, con 13.665.802 ore richieste nei primi dieci mesi dell'anno si colloca al secondo posto tra le province più cassaintegrate d'Italia, dopo Roma.

SETTORI PRODUTTIVI

Nella nostra regione, la variazione percentuale della cassa integrazione per settori produttivi ha registrato:

-15,6% Industria, -19,3% Edilizia, -99,2% Artigianato, -53,2% Commercio, per un totale di -19,1%.

RAFFRONTO OTTOBRE/SETTEMBRE 2018

In Italia, ad ottobre sono state autorizzate 19.212.764 ore di cassa integrazione, con un aumento del 69,7% rispetto al mese precedente (+34,2% ordinaria, +102,9% straordinaria, +185,2% deroga).

Nella nostra regione, la richiesta è stata di 3.355.124 ore, in crescita del 340,9% rispetto a settembre (+186,7% ordinaria, +480,5% straordinaria, -97,1% deroga).

Torino, con 2.675.607 ore autorizzate, è la provincia che ha fatto maggior uso di ammortizzatori sociali. Il Piemonte è al 1° posto tra le regioni.

DICHIARA IL SEGRETARIO GENERALE UIL PIEMONTE GIANNI CORTESE:

"Dalla rilevazione dei dati relativi alle richieste di cassa integrazione si evince che le difficoltà provocate dalla grande crisi decennale sono lungi dall'essere superate. In particolare nel mese di ottobre si è registrata una forte recrudescenza che, coniugata con gli aumenti sensibili delle richieste di Naspi, non lasciano tranquilli per lo svolgimento dei prossimi mesi dal punto di vista occupazionale. Bisogna, perciò, apportare correttivi al sistema di ammortizzatori sociali, falcidiato dagli interventi degli scorsi anni. Inoltre, come richiesto unitariamente dal Sindacato servirebbero, nella manovra di bilancio, investimenti pubblici ed interventi fiscali volti ad alleggerire la pressione sul lavoro dipendente e sulle pensioni".

 

Letto 6 volte

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito fa uso dei cookies

per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Prosegui se sei d'accordo.

Approvo