Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.    
slide_uilbandiere

Tesseramento 

sample image Tutti i vantaggi del tesseramento UIL e le convenzioni
Scopri

Galleria Fotografica 

sample image La nostra galleria fotografica aggiornata in tempo reale
Guarda

Le domande ricorrenti 

sample image Leggi le definizioni dei termini più frequenti
Leggi

In Primo Piano 

Dichiarazione ISEE 2019: elenco dei docu…

Dichiarazione ISEE 2019: elenco dei documenti necessari da presentare al CAF UIL

La DSU è valida dalla data di presentazione fino al 31 AGOSTO 2019 Per ogni componente il nucleo di Riferimento (*) servono Stato di Famiglia: (*) Nel caso di prestazioni per minori...

Read more
Giovedì, 17 Gennaio 2019 08:38

Ccnl alimentare: proposta Uila a tutela di lavoratori e lavoratrici. Aspettiamo quella della Fai

Dichiarazione del segretario generale Uila Stefano Mantegazza

"Leggo che l'amico Rota considera demagogica e populista la proposta di aumento salariale di 250 euro che la Uila ha avanzato a Fai e Flai, nell'ambito del confronto in atto per l'elaborazionedella piattaforma per il rinnovo del contratto degli alimentaristi. Una richiesta che, a suo dire, danneggerebbe addirittura l'interesse dei lavoratori. L'amico Rota ha poi deciso di farci anche lezione ricordandoci che sul salario "bisogna elaborare contenutiseri". Noi aspettiamo, già da un po', di conoscere quelli della Fai-Cisl, ma evidentemente sono così seri da impegnare la sua organizzazione in una lunghissima elaborazione.

Quando Rota ce ne darà l'occasione sarà nostra cura spiegargli che non solo ci accingiamo a rinnovare un contratto per 4 lunghissimi anni ma che, per fortuna, rappresentiamolavoratori impegnati in un settore che continua a registrare ottime performance.

Anche nella frenata della produzione industriale italiana di novembre (- 2,6%) il settore alimentare brilla in piena controtendenza con un + 2,7%. E questo è solo l'ultimo dato positivo di una crescita straordinaria alla quale lavoratrici e lavoratori hanno contribuito con impegno, passione e professionalità. Ed è proprio alla luce di questi risultati che abbiamo avanzato la nostra proposta, perché siamo convinti che la ricchezzaprodotta deve essere in parte ripartita, anche attraverso la contrattazione nazionale.

L'amico Rota deve stare sereno: con noi imparerà a fare i conti e a rinnovare un contratto nazionale, esperienza che, mi sembra, gli manchi".

Così il segretario generale Uila Stefano Mantegazza replica alle dichiarazioni del segretario generale della Fai-Cisl Onofrio Rota sul prossimo rinnovo del contratto dell'industriaalimentare.

Letto 110 volte

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn