Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.    
slide_uilbandiere

Tesseramento 

sample image Tutti i vantaggi del tesseramento UIL e le convenzioni
Scopri

Galleria Fotografica 

sample image La nostra galleria fotografica aggiornata in tempo reale
Guarda

Le domande ricorrenti 

sample image Leggi le definizioni dei termini più frequenti
Leggi

In Primo Piano 

Dichiarazione ISEE 2019: elenco dei docu…

Dichiarazione ISEE 2019: elenco dei documenti necessari da presentare al CAF UIL

La DSU è valida dalla data di presentazione fino al 31 AGOSTO 2019 Per ogni componente il nucleo di Riferimento (*) servono Stato di Famiglia: (*) Nel caso di prestazioni per minori...

Read more
Lunedì, 08 Luglio 2019 08:50

Il burnout rinocosciuto come sindrome legata al lavoro dall'Organizzazione Mondiale della Sanità

Lo scorso 28 maggio 2019 l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha ufficialmente riconosciuto il burnout, esito patologico di un processo stressogeno che interessa, in varia misura, diversi operatori e professionisti che sono impegnati quotidianamente e ripetutamente in attività che implicano le relazioni interpersonali, come "Sindrome legata al lavoro", inserendolo all'interno della nuova International Classification of Diseases (ICD-11) che entrerà in vigore a partire da gennaio 2022.

È un fenomeno in continuo aumento e come precisa l'Oms non si tratta di una vera e propria malattia ma di una sindrome risultante dallo stress cronico sul posto di lavoro che non è stato gestito in modo adeguato.

È una condizione quindi che si riferisce solo a un contesto lavorativo, che non può essere estesa anche ad altri ambiti della vita che presentano segnali simili (ansia, depressione).

Sono state anche fornite direttive ai medici per diagnosticare tale condizione, caratterizzata dai tre seguenti sintomi: 1) esaurimento mentale o fisico; 2) aumento della distanza mentale dal proprio lavoro o sentimenti di negativismo o cinismo relativi al proprio lavoro; 3) ridotta efficacia professionale.

In sostanza si tratta di un importante passo avanti dopo anni di studi, che offre una sua definizione più dettagliata e specifica rispetto al passato. È la prima volta infatti che l'OMS riconosce il burnout come un problema occupazionale associato al lavoro e come sindrome.

Letto 91 volte

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito fa uso dei cookies

per il funzionamento della piattaforma e per le statistiche. Prosegui se sei d'accordo.

Approvo