Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.    
slide_uilbandiere

Tesseramento 

sample image Tutti i vantaggi del tesseramento UIL e le convenzioni
Scopri

Galleria Fotografica 

sample image La nostra galleria fotografica aggiornata in tempo reale
Guarda

Le domande ricorrenti 

sample image Leggi le definizioni dei termini più frequenti
Leggi

In Primo Piano 

Dichiarazione ISEE 2020: ecco l'elenco d…

Dichiarazione ISEE 2020: ecco l'elenco definitivo dei documenti da presentare

La DSU è valida dalla data di presentazione fino al 31 dicembre 2020 ATTENZIONE: I figli a carico fino all'età di 26 anni anche se non residenti nel nucleo familiare con...

Read more
Giovedì, 06 Febbraio 2020 08:41

Tfs dei dipendenti pubblici : bisogna armonizzare la disciplina dei lavoratori pubblici e privati

Ancora notizie contraddittorie sul Tfs dei dipendenti pubblici che non riescono neppure ad accedere al sito Inps per sapere quanto è loro di diritto.

Si continua a sostenere che si è sbloccata la materia, ma ad oggi siamo ancora in alto mare.

Il processo di omogeneizzazione del mondo del lavoro pubblico e privato non può giustificare i trattamenti diseguali e peggiorativi per i pubblici dipendenti.

Proprio per questo abbiamo chiesto che venga risolta in modo definitivo la questione per eliminare la sperequazione di norme che prevedono il pagamento del TFS ai dipendenti pubblici trascorsi 24 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro e la parte in cui disciplina la corresponsione rateale dello stesso TFS quando di importo superiore a €50.000.

Il governo precedente aveva assicurato la risoluzione anche parziale della problematica, invece, manca ancora la circolare del Mef e l'opzione per richiedere l'anticipo TFS.

Anche se fosse tutto risolto, come ha normato il precedente governo, comunque, sarebbe una soluzione parziale. Noi, invece, chiediamo che sia armonizzata la disciplina dei lavoratori pubblici e privati e si paghi il dovuto al momento dell'andata in pensione del dipendente.

Letto 21 volte

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn