Notizie

Notizie

Visualizza articoli per tag: uila

Dichiarazione del segretario generale della Uila-Uil, Stefano Mantegazza

"Ci auguriamo che sia fatta immediata chiarezza sull'ultimo drammatico caso che riguarderebbe la morte di un immigrato nelle campagne di Rignano Garganico e speriamo che questa ennesima tragedia di lavoro nero spinga il Governo ad agire con estrema urgenza, come stiamo chiedendo da tempo. Noi condividiamo pienamente le proposte avanzate dai Ministri Martina e Orlando, comprese quelle che abbiamo letto con attenzione dalle pagine di Repubblica, per la lotta a lavoro nero e caporalato, ma è necessario renderle immediatamente operative con un decreto legge".

Così Stefano Mantegazza, segretario generale Uila-Uil, in seguito alle ultime notizie relative ad un nuovo caso di sfruttamento in provincia di Foggia, lancia un appello al Governo ad intervenire tempestivamente per contrastare il fenomeno.

"Vorremmo che i buoni propositi dei ministri fossero integrati con le proposte che presenteremo, domani, alla riunione convocata presso il Mipaaf per illustrare il piano di azione del Governo sul tema" aggiunge Mantegazza.
"Sono alle porte la raccolta dell'uva e delle olive, gli ultimi due momenti dell'anno in cui centinaia di migliaia di braccianti agricoli saranno impegnati nel lavoro sui campi. E' dunque questa l'occasione per segnare un cambio di rotta e intervenire con attività concrete. La cartina di tornasole tra i buoni propositi e le azioni operative, infatti, si vedrà dallo strumento che il governo sceglierà di adottare: se si interverrà con un decreto le misure saranno immediatamente operative, mentre se si opterà per un disegno di legge sarà l'ennesimo segnale che i buoni propositi andranno in soffitta."

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto

Oggi, alle 17.30, nella Sala dell'Antico Macello di Po, in via Matteo Pescatore 7 a Torino, la Fondazione Argentina Altobelli e l'Istituto Ismel presentano il volume del ricercatore ISMEL Enrico Miletto intitolato Sono stati anni eroici. La UIL TERRA e il sindacalismo riformista. Alla presentazione, oltre all'autore, parteciperanno il Segretario Generale UIL Piemonte Gianni Cortese, il Segretario Generale Nazionale UILA Stefano Mantegazza e il vice Presidente dell'Istituto Salvemini Marco Brunazzi. Modererà la direttrice dell'Istituto Ismel Marcella Filippa.

Pubblicato in Notizie

In allegato il documento che contiene l'ipotesi di piattaforma per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dell'Industria alimentare redatto da Flai Cgil, Fai Cisl e UILA Uil.

 

Pubblicato in Notizie
Mercoledì, 22 Aprile 2015 11:00

730 gratis agli iscritti UILA

Notizia importante. Il modello 730 sarà gratuito per tutti gli iscritti al sindacato agroalimentare UILA della provincia di Alessandria.

All'atto della compilazione della denuncia dei redditi 730/2015 in tutti gli uffici CAF UIL della provincia di Alessandria, gli iscritti UILA non pagheranno il costo della compilazione perchè le spese saranno a carico della UILA.

Chi non è ancora iscritto al sindacato UILA UIL può iscriversi per usufruire di questo importante servizio offerto dalla categoria.

Per info contattare il Segretario territoriale UILA Tiziano Crocco al seguente numero: 339 5043850

 

Pubblicato in Notizie

Comunicato stampa Fai-Flai-Uila

"Gli Esecutivi unitari di Fai, Flai e Uila, riunitisi oggi a Roma alle presenza di Luigi Sbarra, Commissario Fai Cisl, Stefania Crogi, Segretario Generale Flai Cgil e Stefano Mantegazza, Segretario Generale Uila Uil, hanno approvato l'Ipotesi di Piattaforma per il Rinnovo del Contratto Collettivo nazionale di lavoro dell'Industria Alimentare. Un comparto che conta circa 400.000 addetti, complessivamente 58.000 imprese e un fatturato che nel 2014 ha raggiunto 132 miliardi di Euro". Lo comunicano in una nota i sindacati di categoria.


"L'industria alimentare, pur nel contesto di crisi che tutti conosciamo, ha reagito meglio di altri settori manifatturieri e con segnali positivi a partire dall'export che, nel 2014, fa segnare una crescita del 3,1% rispetto al 2013. In tale contesto il rinnovo del CCNL può essere, proprio nell'anno dell'Expo, l'occasione per porre la cultura e la produzione alimentare italiana al centro delle politiche nazionali e continentali dello sviluppo. La contrattazione collettiva deve essere una opportunità per l'intera industria alimentare, per stimolare gli investimenti e creare nuovi e stabili posti di lavoro".


"Tra i punti qualificanti dell'Ipotesi di Piattaforma si evidenzia, in tema di relazioni sindacali, la richiesta di inserire nel CCNL un sistema permanente di formazione congiunta ed il coinvolgimento di tutti i lavoratori in programmi aziendali di formazione professionale. Inoltre, si ribadisce l'importanza di applicare il Contratto del settore alimentare a tutti i lavoratori della stessa filiera produttiva, prevedendo in caso di cambio di appalto, la garanzia della continuità occupazionale, assieme all'intera anzianità maturata".

"Per la Certificazione etica delle aziende – prosegue la nota - si chiede che le procedure di accreditamento siano affidate a soggetti ed organismi terzi, prevedendo la consultazione delle Rsu.
Sugli assetti contrattuali è essenziale la diffusione della contrattazione di secondo livello e l'estensione del diritto di assemblea nelle aziende con meno di 15 dipendenti. La piattaforma prevede, inoltre, l'istituzione di rappresentanti sindacali di bacino.


Si chiedono poi sistemi e percorsi che aiutino la stabilizzazione dei rapporti di lavoro. Importanti anche le richieste in merito ai tempi di conciliazione di vita e di lavoro con un riordino della regolazione contrattuale dei congedi parentali che preveda una loro fruibilità su base oraria; il congedo parentale fino ai 14 anni di vita dei figli; un giorno in più per la malattia del figlio e la retribuzione di almeno 2 giorni di permesso in caso di sua malattia. In materia di Welfare contrattuale si chiede la costituzione di un sistema mutualistico a carico delle imprese che garantisca, ai lavoratori licenziati a due anni dalla pensione, una integrazione adeguata a quanto previsto dalla NASPI.

Su ambiente di lavoro, igiene e sicurezza occorre regolare in via contrattuale comuni tutele e prerogative per quelle "comunità di sito", formate dai lavoratori alle dirette dipendenze dell'azienda e dai dipendenti di ditte terze, appartenenti ad altri settori produttivi e comparti contrattuali, che operano all'interno dell'azienda alimentare. A questi lavoratori va assicurato eguale accesso ai servizi aziendali (mensa, trasporto, ecc.) e l'istituzione degli Rls di sito.
Inoltre, per i nuovi assunti a tempo indeterminato, al fine di armonizzare e rafforzare i trattamenti, si chiede che si attivino modalità di maggiori tutele occupazionali.


Infine, ma non ultimo – concludono Fai, Flai e Uila - chiediamo un aumento salariale di 150 euro mensili, una richiesta che parte dalla convinzione che, nel rinnovato contesto economico, la politica e la dinamica retributiva debbano contribuire all'espansione della domanda interna e a stimolare la competitività delle imprese e la loro capacità di creare lavoro stabile e qualificato".
Nella stessa giornata, sono state approvate anche le Ipotesi di piattaforme per il rinnovo dei Ccnl della Cooperazione di trasformazione alimentare e della Panificazione.
Prossimo appuntamento, a Cervia, il 25 e 26 Maggio 2015, a conclusione del percorso di consultazione dei lavoratori nei singoli stabilimenti.

Pubblicato in Notizie

http://www.lavoroitalianoagroalimentare.eu/: è il link alla nuova versione telematica del "lavoro italiano agroalimentare", notiziario di informazione della Uila-Uil sul quale, da oggi, sarà possibile leggere, approfondire e discutere, giorno per giorno, gli argomenti del settore agroalimentare e non solo.
Il nuovo notiziario della Uila si adatta alle moderne esigenze di comunicazione veloce e si propone come uno strumento di lavoro e condivisione collettiva per l'organizzazione e per tutti i lavoratori.

L'obiettivo del giornale è, infatti, da un lato divulgare notizie che riguardino il lavoro, in particolare quello agricolo e alimentare, dando più in generale, risalto anche a news di carattere economico e, dall'altro, fare in modo che sia uno spazio per tutta la Uila, aperto al contributo di tutti.

In apertura del nuovo giornale on-line, l'editoriale del segretario generale Stefano Mantegazza che, riferendosi a questa nuova avventura editoriale, scrive: "è una sfida da far tremare le vene ai polsi, non ci sono più le barriere dei tempi di spedizione; ci siamo solo noi, tutti in presa diretta. Da qui, l'impegno rinnovato a dialogare con tutti".

Pubblicato in Notizie

La UILA è a disposizione per inoltrare le domande di disoccupazione agricola, valida per chi ha lavorato almeno 102 giornate in agricoltura nell'arco di tempo degli ultimi due anni.

Procurarsi carta d'identità, codice fiscale, IBAN per accredito sul conto corrente e l'ultimo listino

La UILA è presente in tutte le sedi UIL, per info e appuntamenti contattare Tiziano Crocco, Segretrio di categoria, al seguente numero: 339 5043850

Pubblicato in Notizie

Dissesto idrogeologico: bene fondi stanziati Cipe. Ora agire per adeguate risorse a Consorzi di bonifica

Dichiarazione del segretario generale Filbi Gabriele De Gasperis

"Esprimiamo profonda soddisfazione per la scelta effettuata dal governo di stanziare 700 milioni di euro per il contrasto al dissesto idrogeologico e per una migliore tutela del nostro territorio. Una scelta che ci sembra giusta e necessaria non solo alla luce delle ripetute calamità che devastano intere aree, quanto della sempre maggiore consapevolezza che suolo e acqua devono essere obiettivi strategici per il futuro".

E' questo il commento di Gabriele De Gasperis, segretario generale della Filbi, sindacato di settore della Uila che organizza i lavoratori dei consorzi di bonifica, in merito allo stanziamento dei fondi contro il rischio idrogeologico deciso venerdì 20 Febbraio 2015 dal Comitato Interministeriale per la Programmazione economica.

"Ci auguriamo però che l'azione del governo non si fermi qui. In troppi casi, infatti, come avviene in Sicilia e in Calabria, la mancanza dei fondi rende impossibile per i consorzi di bonifica il corretto svolgimento delle proprie funzioni" ha aggiunto De Gasperis. "Per questo chiediamo che venga anche valorizzato il ruolo e il lavoro dei consorzi sul territorio, facendo sì che vengano destinate alle strutture consortili le risorse necessarie per il loro corretto funzionamento".

Pubblicato in Notizie

Confindustria Alessandria, lo scorso 12 febbraio, ha ospitato un incontro con i sindacati Flai-Cgil, Fai Cisl e Uila Uil per discutere della Pernigotti, nota e storica azienda dolciaria di Novi Ligure.

L'azienda, come annunciato già da tempo, sembra decisa a puntare sul mercato estero e sull'espansione dei suoi prodotti, diventati ora cento, con ricette tutte nuove. La produzione negli stabilimenti in Turchia preoccupa i sindacati sul presente e sul futuro dei lavoratori stagionali e dei dipendenti strutturali. Se i prodotti Pernigotti, che verranno posizionati sul mercato soltanto un gradino più in basso rispetto ai colossi indiscussi e leader nel mercato, dovessero non avere un adeguato riscontro in termite di vendite e di ricavi, fenomeno che si sta invece sperimentando all'estero (accanto ai prodotti Toksoz, attuale proprietaria della Pernigotti e leader presente ovunque in Turchia), sembra inevitabile una preoccupante ricaduta negativa sul fronte occupazionale, in primis per gli stagionali e a cascata anche su tutto il resto del personale.

La Pernigotti ha ribadito il piano già precedentemente illustrato, ma restano aperti alcuni punti, ancora tutti da chiarire. Il primo è il pagamento del premio 2014, ancora non liquidato. I sindacati chiedono di poter applicare l'elemento di garanzia retributiva per il 2014, previsto dal contratto nazionale.

I sindacati presenteranno una piattaforma per gli anni 2015, 2016 e 2017 all'azienda, dopo essere stata condivisa  e votata prima dai lavoratori, per il premio di risultato.

Pubblicato in Notizie

DICHIARAZIONE DI CARMELO BARBAGALLO SEGRETARIO GENERALE UIL

Oggi la UIL ha partecipato all'evento "Le Idee di Expo" dando il contributo delle proprie proposte, con una delegazione della categoria presente ai tavoli per la preparazione della Carta di Milano. Quello dell'agroalimentare è un settore di eccellenze, strategico per l'economia del Paese.L'Expo, dunque, è una vetrina importante per il Made in Italy e questa opportunità di rilancio va colta fino in fondo.

Si rischia di dimenticare, però, che dietro il settore ci sono un milione e mezzo di lavoratori che lo fanno vivere e crescere.

Ecco perché bisogna affrontare il tema della qualità e della valorizzazione del lavoro: e questo il Jobs Act non lo fa.

L'introduzione dei voucher, ad esempio, rappresenta per l'agroalimentare, ma anche per gli altri settori, un vero pericolo e un danno irreversibile che possono far tornare indietro il mondo del lavoro di 50 anni.

Bisogna evitare la precarietà e riqualificare le eccellenze: la UIL continua a battersi per questo obiettivo.

Speriamo che il Governo si renda conto di tali necessità per i lavoratori e per il Paese ed elimini tutti i contratti di precarietà.

7 febbraio 2015

Pubblicato in Notizie
Pagina 5 di 8

Sempre con voi

UIL Alessandria

© 2021. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy | Cookie Policy
Web by ModusOperandi

Search

No Internet Connection