Notizie

Notizie

Visualizza articoli per tag: uilm

Si è tenuto in data odierna, presso la sede del ministero dello Sviluppo Economico, l'incontro, presenziato dal viceministro Teresa Bellanova, tra le delegazioni di Fim Fiom e Uilm ed i rappresentanti di ArcelorMittal Europe.

La riunione di quest'oggi ha avviato, di fatto, il confronto fra le organizzazioni sindacali e AM Investco Italy Srl per addivenire ad un accordo sui livelli occupazionali "vincolante" ai fini della procedura di cessione del gruppo Ilva in A.S. aggiudicata con decreto del Ministero allo Sviluppo Economico lo scorso 5 giugno.

Il CEO ArcelorMittal, Geert Van Poelvoorde, ha introdotto l'incontro con la presentazione del gruppo multinazionale siderurgico con sede in Lussemburgo: con un fatturato di oltre 60 miliardi di oltre 60 miliardi di dollari e 95.5 milioni di acciaio (anno 2016) AM è il maggior produttore al mondo, leader in America Latina, Nord America, Africa, principale produttore nella CSI, n.1 in Europa e con un organico complessivo oltre 200.000 dipendenti.

ArcelorMittal Europa, di cui è a capo Aditya Mittal, prevede una struttura organizzativa articolata in 3 settori: prodotti lunghi, prodotti piani e soluzioni per la distribuzione; i prodotti piani, con 39 siti produttivi, organizzati in cluster e presenti in 11 paesi, suddivisi in tre aree geografiche (Nord,Est e Sud Ovest, con19 altiforni operativi e n. 2 forni elettrici ad arco in funzione, hanno spedito nell'anno 2016 circa 28 milioni di tonnellate di acciaio. In Italia il gruppo siderurgico è già presente con centri di servizio e due siti produttivi a Piombino ed Avellino, con circa 1200 dipendenti.

Alla presentazione è seguita l'illustrazione del piano delle linee guida del piano industriale per il rilancio del gruppo Ilva e della sua integrazione con il gruppo AM, investimenti industriali ed ambientali previsti ed i livelli occupazionali.

Il management di AM ha enfatizzato, in particolare, la volontà di voler intervenire per la riduzione degli infortuni con l'adozione di pratiche già adottate negli altri stabilimenti europei e l'introduzione di tecnologie proprietarie avanzate per la riduzione delle emissioni nell'atmosfera ed il trattamento delle acque.

Per il rilancio dell'Ilva il CEO di AM ha confermato l'investimento complessivo di 4,2 miliardi di euro, di cui circa 1,137 miliardi per l'ambientalizzazione e 1,25 per gli investimenti tecnici.

Il piano industriale (2018-2024) presentato nel corso della riunione prevede, nella prima fase, una produzione di acciaio grezzo di 6 milioni di tonnellate annue con gli

attuali altoforni (Afo 1-2 e 4) ed il rimanente fabbisogno di bramme/laminati con prodotti provenienti da altri stabilimenti AM; alla realizzazione del piano ambientale (2023), l'AFO 5 verrà riattivato per raggiungere una produzione di 8 milioni di tonnellate di acciaio liquido a Taranto e con un organico complessivo dell'intero Gruppo di 10.000 addetti rispetto agli attuali 14.200.

Il CEO di AM ha riconfermato la realizzazione, a Taranto di un centro di Ricerca e Sviluppo che potenzierà la qualità dei prodotti e ne amplierà la gamma attraverso l'accesso a tutte le proprietà intellettuali di ed al know-how di ArcelorMittal; sono previsti interventi di upgrade degli impianti di Genove e Novi Ligure.

Sono state confermate le missioni produttive degli altri centri di trasformazione e logistica.

La Uilm ha espresso le proprie riserve sulle criticità che permangono dopo questa prima illustrazione del piano industriale e sugli interventi ambientali per i quali si dovrebbero prevedere tempi più ristretti di realizzazione, anche per anticipare la risalita della produzione di acciaio grezzo rispetto al 2024.

Inoltre abbiamo ribadito la nostra contrarietà e le nostre perplessità sulla determinazione dei livelli occupazionali previsti dal piano che evidenzia una contraddizione fra il decremento degli attuali addetti rispetto ad una previsione di incremento della produzione. La Uilm continua a ritenere inaccettabile la dichiarazione di esuberi e ripropone la richiesta del passaggio di tutti i lavoratori nella nuova società subentrante.

Abbiamo quindi richiesto un confronto di maggior dettaglio sui singoli temi per poter effettuare una valutazione più compiuta sulla proposta aziendale.

A fronte delle nostre sollecitazioni il CEO di AM si è reso disponibile anche a modificare le impostazioni previste dal piano, anche rispetto ai tempi di realizzazione, tenendo fermo,però, l'obiettivo della piena produzione e l'incremento della produttività sui modelli organizzativi già adottati negli altri stabilimenti del gruppo e senza escludere investimenti aggiuntivi.

Abbiamo convenuto di aggiornare il confronto, in modo più serrato, a partire dal prossimo 13 settembre; gli incontri, che avranno cadenza settimanale, si terranno presso il MiSE ed il Governo favorirà il raggiungimento dell'intesa fra sindacati ed azienda.

Nelle prossime settimane verrà inviata la comunicazione per il trasferimento del ramo d'azienda (art.47 L.428/90).

Siamo consapevoli della difficoltà della discussione che dovremo affrontare per la salvaguardia dei livelli occupazionali di Ilva e dell'indotto ma siamo anche certi di poter far modificare le previsioni indicate nel piano industriale e dimostrarne la loro "incongruenza" e la loro "inadeguatezza" a fronte della necessità di mantenere le professionalità e le specificità all'interno del gruppo per un rapido rilancio della più grande realtà siderurgica italiana.

Roma, 20 luglio 2017 UILM NAZIONALE

Pubblicato in Notizie

Lo scorso 21 giugno nella sede Confapi di Milano, sulla base di quanto discusso il giorno precedente, l'Unionmeccanica ha consegnato a Fim, Fiom e Uilm una proposta scritta complessiva sugli aspetti economici e normativi per il rinnovo del CCNL scaduto a ottobre 2016 Nel testo è previsto che:

- il CCNL sarà rinnovato per 4 anni, quindi scadrà il 31 ottobre 2020 e gli aumenti contrattuali saranno misurati con l'Ipca "depurata dagli energetici" a consuntivo ed erogati a novembre 2017, per quanto riguarda il 2016. Per gli anni successivi saranno calcolati ed erogazione nel mese di giugno di ciascun anno di vigenza contrattuale;

- ci sia l'erogazione di flexible benefit del valore di 150 euro per il 2018 (da marzo), per il 2019 e il 2020 (a partire da gennaio di ciascuno di questi anni) e di un importo di 80 euro "una tantum" con la retribuzione di ottobre 2017;

- il contributo aziendale per il fondo di previdenza complementare Fondi sarà aumentato di 0,2% da giugno 2018 e di un ulteriore 0,2% da gennaio 2020;

- sia costituito in sinergia con l'EBM di una Assistenza sanitaria integrativa a carico delle imprese che verseranno 60 euro annui a decorrere da gennaio 2018, con la possibilità di verificare a giugno 2019 la congruenza di tali importi con le esigenze dei lavoratori.

Nella proposta di Unionmeccanica erano inoltre migliorate le norme sulla formazione professionale e sul diritto allo studio, erano previste innovazioni importanti in materia di salute e sicurezza e si conveniva su una revisione del sistema di inquadramento. Si trattava dunque di una proposta, coerente con quanto fatto in altri rinnovi contrattuali, che andava riletta e in qualche punto corretta, per dare anche ai dipendenti delle aziende che applicano il CCNL della piccola e media impresa metalmeccanica il loro giusto rinnovo contrattuale. E invece Fim e Fiom hanno iniziato una disputa - lo riconosciamo - su temi assai rilevanti per il Sindacato sul ruolo degli iscritti e sulla consultazione dei lavoratori. Temi che tuttavia - soprattutto nelle piccole e medie imprese dove gli iscritti - purtroppo - non sono molti e i referendum - per stessa ammissione di chi ha organizzato l'ultimo nel 2013 - vedono il voto di poco più del 10% degli aventi diritto, rischiano di trasformarsi in vuoti esercizi ideologici che vanificano la concreta azione sindacale unitaria. Proprio nella piccola e media impresa il Sindacato deve esprimere quel sovrappiù di responsabilità per ovviare alla maggiore debolezza dei lavoratori causata dalle limitate dimensioni dell'azienda. Nella discussione di ieri, per certi versi difficile da comprendere, la Uilm ha sostenuto e continua a sostenere che su questi argomenti, da un lato le previsioni dell'accordo interconfederale sulla "rappresentanza" e dall'altro quanto convenuto tra Fim, Fiom e Uilm nel cd. "percorso di validazione" già adottato in altri rinnovi, siano gli strumenti per risolvere la questione. Sarà stato il caldo o la tensione accumulata in questi mesi trattative costruttive ma molto faticose, la disputa non ha trovato una soluzione e la Uilm ha chiesto all'Unionmeccanica di proporre in tempi brevissimi un paio di date per la rilettura del testo e la conclusione del negoziato. Uilm Nazionale Roma, 22 giugno 2017

Pubblicato in Notizie

"Il previsto incontro tra Fim, Fiom, Uilm e Unionmeccanica Confapi, fissato per il 24 maggio a Roma non è stato tenuto poiché il Presidente di Unionmeccanica nei giorni antecedenti ha chiesto di posticipare per "mettere a punto" la posizione datoriale.

Purtroppo anche per impegni statutari delle Organizzazioni sindacali, abbiamo ripianificato per il 21 giugno a Milano.

Non si tratta della prima volta che ciò avviene, ma come Uilm vogliamo ritenere ancora possibile entrare in una fase stringente della trattativa anche perché ci sono delle scadenze ormai implicite ma ben definite: infatti se non si definirà l'ipotesi di rinnovo entro luglio, a settembre non potrà fare a meno di ricorrere alla mobilitazione dei lavoratori e di lavoratrici perché – dopo l'ipotesi di accordo per l'industria orafa e argentiera raggiunta lo scorso 18 maggio – restano ancora aperti i CCNL Unionmeccanica e quello dell'artigianato che è nostro compito e preciso diritto dei lavoratori e delle lavoratrici rinnovare.

Di questo l'Unionmeccanica deve essere consapevole!

Uilm Nazionale

Roma, 25 maggio 2017

Pubblicato in Notizie

Si è svolto lo scorso 2 maggio 2017, nella sede di Confapi a Roma un incontro "ristretto" di trattativa per il rinnovo del CCNL 29 luglio 2013 scaduto il 31 ottobre 2016.

Nel corso dell'incontro in primo luogo si è svolto un riepilogo di quanto concordato sugli aspetti normativi (Diritto allo studio, Trasferte, Trasferimenti, Appalti, Formazione continua, Ferie migranti, Regolamentazione permessi legge 104), sui quali la Controparte è impegnata a fornire un testo definitivo per un'ultima verifica.

Su altre questioni invece permangono distanze di merito che andranno risolte nel corso dei prossimi incontri di negoziato e in particolare sull'Apprendistato dove l'Unionmeccanica chiede di allungare a tre mesi il periodo di prova, sui Contratti a termine laddove la Controparte chiede il computo della percentuale massima di legge su un periodo annuale, e sulla Contrattazione a livello territoriale laddove esistono ancora differenti impostazioni anche tra le Organizzazioni sindacali sul meccanismo di "validazione" delle Parti firmatarie il CCNL.

Inoltre, l'Unionmeccanica ha ridimensionato le proprie richieste in materia di Orario di lavoro, chiedendo solo la possibilità di aumentare e su base volontaria di 40 ore i limiti annui di straordinario.

Un successivo incontro è stato previsto per il 24 maggio sempre a Roma e in quell'incontro – anche su forti sollecitazioni delle Organizzazioni sindacali – l'Unionmeccanica è impegnata a formalizzare la propria proposta sugli aspetti economici, intendendo con questo termine l'incremento dei minimi, l'Una Tantum, le erogazioni in flexible benefit, la creazione dell'Assistenza sanitaria integrativa e gli aspetti legati alla Bilateralità e alle relative prestazioni.

Infatti il negoziato si sta protraendo oltre il previsto – è stato ribadito con determinazione anche dalla Delegazione Uilm – ed è necessario accelerare il negoziato per giungere a una conclusione entro l'estate.

Uilm Nazionale

 

Pubblicato in Notizie
Giovedì, 23 Febbraio 2017 10:09

Comunicato unitario sulla Mondial Group Srl

Ieri si è svolto un importante incontro tecnico in Regione Piemonte sulla vertenza Mondial Group srl . Alla presenza dell'Assessore Regionale Pentenero e del Sindaco di Casale M. Palazzetti , abbiamo appreso dalla Mondial Group srl di una trattativa aperta con l'imprenditore casalese Campese già proprietario della Cofi Europe srl .

Quest'ultimo avrebbe intenzione di rilevare l'attività aziendale tramite un affitto di ramo d'azienda finalizzato al mantenimento delle attuali produzioni a Mirabello con 80 dipendenti che potrebbero diventare 90/100 nel corso dei successivi mesi.

L'affitto di azienda sarebbe subordinato alla accettazione da parte di 137 lavoratori di un licenziamento intimato da Mondial Group Srl a fronte di un incentivo all'esodo di 6000 euro lorde. I rimanenti 80 sarebbero quindi oggetto di passaggio nella nuova società con retribuzioni individuali inferiori rispetto alle attuali.

La scelta dei profili da licenziare avverrà in questi giorni e comunicato a noi parti sociali e direttamente ai lavoratori interessati a partire da lunedì 27.

Fim Fiom Uilm di Alessandria nei prossimi giorni convocheranno assemblee in azienda per discutere insieme ai lavoratori quale percorso avviare per tentare di salvare almeno una parte di occupazione nella piena consapevolezza di una decisione estremamente complicata da parte di  tutti i lavoratori interessati.

Fim Fiom Uilm Alessandria auspicano che nei prossimi incontri si potranno creare e discutere condizioni migliori rispetto a quelle prospettate , finalizzate al raggiungimento di un accordo che possa garantire quella continuità produttiva necessaria per garantire la sopravvivenza dell'azienda.

Alessandria 22.02.2017                                                  FIM – FIOM – UILM Alessandria

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Martedì, 07 Febbraio 2017 10:05

Attivo regionale Uilm Piemonte: venerdì 10 a Torino

Si terrà a Torino, il 10 febbraio '17 alle 10 nel Salone Buozzi della Uil Regionale, in via Bologna 11, l'Attivo Regionale Uilm Piemonte "La previdenza sanitaria dei Metalmeccanici"

Apertura dei lavori:

Gianfranco Verdini, coordinatore regionale

Interviene:

Tiziana Riggio, Direttore del fondo Metasalute

Pubblicato in Notizie

L'ipotesi di rinnovo del Ccnl Federmeccanica/Assistal Fim, Fiom, Uilm è stato sottoscritto dopo una trattativa lunga e difficile, in un contesto economico di deflazione, di riduzione dell'occupazione e

degli investimenti, e in assenza di regole confederali sul rinnovo dei Contratti nazionali di lavoro.

Si partiva con due piattaforme sindacali distinte e con una precisa volontà della controparte di introdurre il cosiddetto "salario di garanzia", che avrebbe comportato aumenti solo al 5% dei metalmeccanici, attraverso la totale sovrapposizione del Ccnl con la contrattazione di secondo livello con l'obiettivo di ridimensionare il Ccnl.

Per far avanzare la trattativa sono stati decisivi: il sostegno, la mobilitazione e le lotte delle lavoratrici e dei lavoratori, iscritti e non; la ricerca di una nuova sintesi unitaria fra le organizzazioni sindacali e la

capacità negoziale prodotta nelle proposte nel corso della trattativa, sono tutti fattori che hanno indotto la Federmeccanica/Assistal a modificare le sue posizioni espresse a partire dal 22 dicembre

2015 e consentito così di giungere a un contratto unitario.

L'intesa raggiunta è fortemente innovativa, allarga e acquisisce nuovi diritti, a partire dalla formazione continua e il diritto allo studio, alla riforma dell'inquadramento, dall'assistenza sanitaria integrativa per tutti, alla previdenza complementare, alla maggiore agibilità agli Rls sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; al rafforzamento della contrattazione e alla partecipazione, inoltre: l'intesa tutela i redditi dall'inflazione e rafforza il welfare, facendo passi avanti nei benefici complessivi per i metalmeccanici, definisce le regole democratiche e di rappresentanza fra le parti, le organizzazioni sindacali, gli iscritti e i lavoratori.

In questo modo si rafforza il ruolo del contratto nazionale quale strumento universale e generale di tutela dei diritti e delle condizioni di lavoro di tutti i metalmeccanici.

L'ipotesi di accordo qualifica ed estende la possibilità per le Rsu e le organizzazioni sindacali di contrattare nei luoghi di lavoro tutti gli aspetti che compongono la prestazione lavorativa.

L'ipotesi di accordo, dopo l'approvazione degli organismi di Fim, Fiom e Uilm, per essere pienamente efficace ed esigibile deve essere validata dalla consultazione certificata che verrà svolta tramite voto segreto dalla maggioranza delle lavoratrici e dei lavoratori metalmeccanici.

Per queste ragioni le Segreterie nazionali e l'Assemblea nazionale di Fim, Fiom e Uilm invitano tutti i metalmeccanici a partecipare alle assemblee e al voto approvando il nuovo Contratto nazionale di

lavoro.

Segreterie nazionali

Fim, Fiom, Uilm

Roma, 1° dicembre 2016

Pubblicato in Notizie

Il contratto dei metalmeccanici, firmato unitariamente, è uno degli eventi sindacali più importanti dell'anno. La Uil ha collocato al centro della propria azione il ruolo contrattuale del Sindacato.Abbiamo perseguito con determinazione e caparbietà questo obiettivo puntando sulla firma dei rinnovi contrattuali e i frutti stanno arrivando.

Ora, tocca subito al pubblico impiego. E così il 2016 potrà davvero essere ricordato come l'anno dei contratti. Si prepari poi Confindustria: anche il tempo della riforma delle relazioni industriali e del nuovo sistema contrattuale è ormai maturo.

La sfida dell'industria 4.0 deve essere accolta nella sua interezza e per far ripartire la produttività, dunque, bisogna puntare sul benessere lavorativo, su innovazione e su ricerca.

Roma, 26 novembre 2016

Pubblicato in Notizie

Dichiarazione di Rocco Palombella, segretario generale della Uilm

"Con questo rinnovo abbiamo ribadito la validità del contratto collettivo nazionale che resta elemento portante a difesa dei lavoratori". Così Rocco Palombella, segretario generale della Uilm ha commentato l'accordo per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici ch'era scaduto lo scorso 31 dicembre 2015. "Si tratta di un'intesa- ha continuato Palombella che non ha vincitori e vinti, perché hanno vinto tutti e il contratto nazionale ribadisce una struttura portante basata su salario, previdenza integrativa, sanità integrativa, formazione e diritto allo studio che le parti dovranno gestire unitariamente ed in prospettiva. Ancora una volta i metalmeccanici risultano fondamentali per contribuire alla relazioni industriali del Paese e alla politica contrattuale che le caratterizza. Oggi è una data storica in tal senso e siamo estremamente soddisfatti".

Ufficio Stampa Uilm

Roma, 26 novembre 2016

Pubblicato in Notizie
Etichettato sotto
Venerdì, 11 Novembre 2016 10:34

Comunicato UILM sulla TRATTATIVA del rinnovo CCNL

Nel corso della riunione del 28 settembre svolta in Confindustria, dopo 5 mesi di sospensione dl confronto, che hanno visto la mobilitazione sindacale con 20 ore di sciopero e il "blocco" dello straordinario e delle flessibilità, Federmeccanica e Assistal hanno presentato una proposta per il rinnovo contrattuale che, rispetto alla posizione sostenuta dal 22 dicembre 2015, rappresenta un apprezzabile avanzamento del negoziato, in quanto viene abbandonata l'ipotesi del cosiddetto "salario di garanzia" che, nella pratica, avrebbe portato gli aumenti contrattuali a un'esigua minoranza dei metalmeccanici, solo a coloro il cui trattamento economico era esclusivamente quello del contratto nazionale.

Tuttavia, pur valutando positivamente:

 il superamento del "salario di garanzia"

 l' aumento della contribuzione per la Previdenza complementare a Cometa dall'1,6 al 2% solo per le aziende

 l'estensione dell'assistenza sanitaria integrativa con maggiori prestazioni e la copertura per i familiari a carico senza il contributo dei lavoratori a mètaSalute

 il riconoscimento di un bonus di 100€per il 2017 – 150€per il 2018 e 200€per il 2019

la proposta della Controparte risulta insufficiente, in particolare sotto il profilo economico riguardo al recupero dell'inflazione.

Infatti Federmeccanica e Assistal, sostenendo di aver erogato nel precedente contratto 73 euro mensili in più rispetto all'inflazione effettivamente realizzata, non prevedono alcuna erogazione salariale per il 2016, l'erogazione di un aumento sui minimi contrattuali a giugno 2017 calcolato sulla base dell'inflazione effettivamente consuntivata nel 2016, di un importo a giugno 2018 calcolato sul 75% dell'inflazione consuntivata nel 2017 e di un ulteriore aumento a giugno 2019 calcolato sul 50% dell'inflazione misurata nel 2018. Questi importi sarebbero calcolati in percentuale sul minimo di ciascun livello contrattuale e darebbero luogo ad assorbimento di voci retributive fisse.

A questa posizione presentata dalla Controparte, è stato replicato che:

 non si comprendono e comunque non si condividono le ragioni di una tutela decrescente e ridotta rispetto all'inflazione effettivamente misurata;

 non è possibile attendere 18 mesi prima di vedersi riconosciuta l'inflazione, né è pensabile lasciare "scoperto" il 2016;

 proporre gli "assorbimenti" significa comunque riproporre la logica del "salario di garanzia" che Sindacato e i Lavoratori hanno respinto in questi mesi.

Per quanto riguarda infine le richieste relative al "Diritto alla Formazione", Federmeccanica e Assistal hanno confermato la disponibilità a prevedere 16 ore di permesso specifico, più un contributo di 300 euro per i costi dei corsi, in un triennio a condizione che il dipendente utilizzi un suo Par e che sia superata la normativa sulle "150 ore".

Su questi temi, le Organizzazioni sindacali, dopo alcune valutazioni a caldo, si sono riservate di fornire risposte complessive nell'incontro fissato per le 11.00 del 12 ottobre, sempre presso la Confindustria.

UIILM NAZIIONALE

Roma, 29 settembre 2016

Pubblicato in Notizie
Pagina 6 di 12

Sempre con voi

UIL Alessandria

© 2021. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy | Cookie Policy
Web by ModusOperandi

Search

No Internet Connection