Notizie

Notizie

Giovedì, 16 Gennaio 2014 01:00

Quale futuro per le terme di Acqui?

Oggi CGIL, CISL e UIL hanno tenuto una conferenza stampa unitaria per sottoporre
all'attenzione della stampa il bando di concorso europeo del prossimo sabato
per le Terme di Acqui. Attorno alle Terme in città ruotano 40 addetti diretti,
20 stagionali e un indotto di 400 persone. La provincia di Alessandria,

ritengono le parti sociali, non può certo perdere una risorsa preziosa per
il turismo come quella termale, da sempre nota per le sue qualità terapeutiche.
Il momento attuale può definirsi una morsa fra privatizzazione senza
trasparenza e chiusura dei rubinetti da parte di Finpiemonte a luglio.

Mentre i flussi turistici in Piemonte aumentano, ad Acqui si registra un calo. Come CGIL, CISL e UIL chiediamo di non approvare nessun bando
che non abbia caratteristiche sicure

sulla finalità del piano industriale. Inoltre ribadiamo che è meglio una buona
privatizzazione di una pessima gestione pubblica,

ma chiediamo di riflettere sul senso di una dismissione in vista

di un evento, come l'Expo 2015, che potrebbe dare impulso alle terme. Inoltre
invitiamo a riflettere sul disimpegno finanziario Regione/ Finpiemonte e di non
farlo cadere proprio a ridosso di questo possibile rilancio..

I sindacati chiedono un tavolo sul turismo di promozione del territorio in
vista dell' Expo.

Letto 1179 volte
Pubblicato in Notizie

Sempre con voi

UIL Alessandria

© 2021. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy | Cookie Policy
Web by ModusOperandi

Search

No Internet Connection