Notizie

Notizie

Visualizza articoli per tag: uil

i Lavoratori del Gruppo FSI saranno chiamati ad esprimere il proprio giudizio, oltre che sulle ipotesi di accordo relative al CCNL Mobilità/AF, anche su quelle relative al Contratto Aziendale di Gruppo FSI

REFERENDUM

Contestualmente all’Ipotesi di Accordo per il rinnovo del CCNL della Mobilità/Attività Ferroviarie, è stata sottoscritta l’Ipotesi di accordo per il Rinnovo del Contratto Aziendale di Gruppo Fsi che, nel combinato disposto, rappresentano gli strumenti con i quali le Lavoratrici e Lavoratori del Gruppo potranno affrontare la complessa fase determinatasi a seguito dell’emergenza pandemica, oggi resa ancora più incerta dalla crisi internazionale. Il Gruppo FS nei prossimi anni, sarà impegnato, da un lato, a rispondere alle mutate esigenze della clientela e della conseguente domanda di trasporto e, dall’altro, alla spinta comunitaria e nazionale verso politiche di sostenibilità e di shift modale in favore della mobilità ferroviaria.

La necessità di recuperare il potere d’acquisto degli stipendi dei lavoratori ha determinato la forte accelerazione nella sottoscrizione del rinnovo contrattuale, pur in assenza del piano industriale che definisse le future strategie societarie. In tale ottica, le parti hanno deciso di non procedere ad una revisione dell’impianto normativo del Contratto Aziendale.

Tuttavia, l’adeguamento e l’aggiornamento della disciplina contenuta nel CCNL Mobilità/Area AF e Contratto Aziendale, ha posto al centro dei suoi principi cardine l’obiettivo di realizzare, sin dal prossimo futuro un miglioramento della produttività, del benessere di vita e delle condizioni di lavoro, valorizzando le professionalità, le competenze, la formazione e il merito mediante previsioni contrattuali moderne, efficaci ed esigibili.

E’ stata, inoltre, condivisa la necessità di mettere a disposizione delle Lavoratrici e dei Lavoratori un paniere di beni e servizi di welfare sempre più ampio, nella comune convinzione che il welfare aziendale rappresenti uno strumento capace di migliorare il benessere dei lavoratori agevolando il bilanciamento dei tempi di vita e di lavoro, incrementando le misure dedicate all’assistenza sanitaria integrativa finalizzate ad una maggiore attenzione alle persone e alle loro famiglie e rafforzando la previdenza complementare con l’obiettivo di assicurare alle Lavoratrici ai Lavoratori, soprattutto ai più giovani, il mantenimento del proprio tenore di vita al momento del pensionamento.

Alle Lavoratrici e ai Lavoratori del Gruppo FS saranno riconosciuti:PDR Anno 2021: € 850 di cui € 500 erogati con la retribuzione di Giugno 2022, e € 350 in welfare, consentendo così di accedere al bonus carburane definito dal Governo.Per gli anni 2022-2023, nel corso dei prossimi mesi saranno definiti i criteri e gli obiettivi del relativo premio di risultato.WELFARE: Sono state confermate le misure per Conciliazione Vita Lavoro € 100, Contributo Eurofer € 100.Il Valore della Polizza Sanitaria è stato portato da € 100 a € 300.Il versamento a carico della Società per chi aderisce alla previdenza complementare Eurofer, con il proprio TFR, sarà aumento di un ulteriore 1%, per un totale del 2% E’ stato istituito l’Osservatorio per lo sviluppo del welfare aziendale e delle iniziative di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, che avrà il compito di analizzare gli strumenti di welfare in essere e realizzare specifiche iniziative di approfondimento, studio e ricerca, con l’obiettivo di sviluppare un sistema di welfare condiviso tra azienda e lavoratori.Frazionabilità in ore di una giornata di ex festività soppresse per i lavoratori con anzianità fino a 8 anni di servizio.Anche l’ipotesi di rinnovo del Contratto Aziendale sarà sottoposta a Referendum nei giorni 2 – 3 – 4 maggio 2022.

Roma, 13 aprile 2022 Le Segreterie Nazionali

Pubblicato in Notizie: UIL Trasporti

Ha preso il via oggi, martedì 12 aprile, la stagione congressuale della UIL di Alessandria. All’Hotel Il Mulino di San Michele si è svolto questa mattina il 12° Congresso Pensionati Alessandria, UILP. Lo slogan di questo appuntamento congressuale è Passato, presente, futuro: i giovani corrono veloce, gli anziani conoscono la strada, insieme raggiungono prima la meta

Questa mattina, dopo la relazione scritta dalle due segreterie provinciali uscenti della delle STU territoriali sciolte alla fine dello scorso febbraio, che facevano riferimento rispettivamente al Segretario generale Territoriale UIL PENSIONATI zona Alessandria Nord, Alberto Pavese, e al Segretario Generale Territoriale UIL PENSIONATI Alessandria zona Sud, Luigi Ferrando, il congresso ha eletto un unico segretario provinciale.

Luigi Ferrando è stato riconfermato ed eletto Segretario generale UILP Alessandria.

Al Segretario Ferrando, al presidente Pavese e alla segreteria composta da Paola Bisio, Leonardo Elia, Aldo Gregori e Arturo Toson spetta il compito di guidare per il prossimo mandato, della durata di quattro anni, l’area vasta di Alessandria.

Pubblicato in Notizie

L’annunciato possibile sgombero della Casa delle Donne con sede in piazzetta Monserrato ad Alessandria, che pare dovrebbe avvenire nei prossimi giorni, ci lascia perplessi.

Pensiamo che sarebbe un errore chiudere un luogo che nel tempo è diventato un punto di riferimento per la città ma soprattutto per molte persone in difficoltà. L’impegno sociale di Non una di meno è tangibile e la dimostrazione sono le tante iniziative intraprese in questi anni e ad alcune di queste abbiamo partecipato anche noi come UIL.

Non sono mai abbastanza i luoghi che possono offrire sostegno e supporto alle persone e per questo pensiamo che l’Amministrazione comunale di Alessandria debba continuare a sostenere spazi di aggregazione come questo, attivandosi per bloccare lo sgombero. Sarebbe un pessimo segnale vedere calare il sipario su questa realtà, specie alla luce degli anni difficoltosi che stiamo attraversando e dove è emersa, in maniera ancora più forte, la richiesta di aiuto delle fasce più deboli e sole.

Pubblicato in Notizie

Il prossimo 18 Marzo 2022 si terrà uno sciopero di 4 ore ad Alessandria.
Lazienda STP, Società trasporti pubblici infatti, rifiuta di aprire un confronto con le RSA sul contratto di secondo livello, riferendo che non vi sono le condizioni per siglare un accodo.

Immediatamente dopo unilateralmente, contatta i lavoratori esercitando pressioni sugli stessi, invitandoli a firmare accordi individuali, non rispettando quanto previsto dal CCNL.

Con un atto dimperio, vuole imporre la propria volontà.

Per dire No a questo modo obsoleto di condurre le relazioni industriali, 
che ci riporta agli inizi del 900.
Affinché le istituzioni vigilino su chi riceve fondi pubblici non permettendogli dfare ciò che vuole, come per esempio variare gli orari del servizio a loro piacimento.

Per dire basta a contratti pirata (individuali), che hanno come unico scopo abbassare il costo del lavoro, a discapito anche della sicurezza.

I Lavoratori dellazienda STP Alessandria s
ciopereranno il 18 Marzo 2022 dalle 15:00 alle 19:00
Lo sciopero riguarda sia il personale addetto allesercizio che quello impiegato in biglietteria

Impianti Fissi ultime 4 ore della prestazione lavorativa

In concomitanza con lo sciopero, manifesteremo il nostro dissenso con un presidio dalle 15:30 alle 17:30 davanti alla Prefettura di Alessandria

Pubblicato in Notizie: UIL Trasporti
Ennesimo no di Terme di Acqui... dopo le dichiarazioni di apertura al dialogo arriva il rifiuto alla proposta di incontro di Filcams CGIL e UILTUCS UIL per il prossimo lunedì. 
I motivi? Hanno altri impegni  e soprattutto dopo la resistenza dei lavoratori e delle lavoratrici dovranno valutare aspetti operativi e giuridici (non abbiamo capito cosa voglia dire...) e che ci faranno sapere quando e come ci incontranno. Si vedrà... davanti ad una emergenza come quella lavorativa e dopo le dichiarazioni di chiusura imminente non ci è chiaro quali siano le priorità dell'azienda. 
Chiaramente i dipendenti non possono più attendere. La priorità per noi è il lavoro! Oggi inizia una lunga serie di iniziative...alle ore 15.00 presidio sotto le TERME E SOTTO IL GRAND HOTEL. Tutti i cittadini e le associazioni sono invitate a sostenere i lavoratori, il patrimonio delle acque e l'intera economia della città.
Pubblicato in Notizie: UILTuCS

Si informa che è stata pubblicata la convocazione del concorso con le istruzioni per effettuare la verifica di prova del collegamento e le istruzioni per lo svolgimento della prova online.

Si effettuerà solo la prova scritta con quiz a risposta multipla

Il concorso si svolgerà nei giorni 22 – 23 – 24 e 25 marzo 2022

Per maggiori info rimandiamo al sito dell’ASL AL, sezione concorsi e selezioni, concorso OSS.

Ecco il link:

https://www.aslal.it/concorso-oss

La UIL, a livello nazionale insieme a CGIL e CISL, condanna l’aggressione militare russa all’Ucraina e chiede uno stop immediato delle ostilità.

La più grande preoccupazione va ai civili che stanno pagando pesantemente, fin dalle prime ore, le conseguenze di questa scelta scellerata.

Al popolo e ai lavoratori dell'Ucraina esprimiamo la nostra solidarietà.

È evidente che la pace e il ripudio delle guerre debbano essere la priorità per la politica italiana, europea e mondiale. L'Unione Europea deve agire ispirata dai suoi principi costitutivi a difesa di pace e democrazia. Aderiamo all’appello della Rete italiana Pace e Disarmo che ha promosso, insieme ad altre organizzazioni, la manifestazione che si terrà domani a Roma, in Piazza Santi Apostoli. Fioriscono iniziativa anche a livello locale a dimostrazione dell’interesse e della partecipazione di tutta la popolazione a questa pagina drammatica di storia italiana.

Come UIL Alessandria, insieme a tutte le categorie e al Coordinamento Pari Opportunità e Diritti, condanniamo l’attacco ed esprimiamo preoccupazione per le conseguenze di questa guerra che ricadranno inevitabilmente anche su tutta l’Europa, la sua economia e i lavoratori.

Anche una nostra delegazione parteciperà all’iniziativa organizzata per sabato ad Alessandria.

Sono già due anni che registriamo una riduzione del potere reale d’acquisto dei salari. Ora, l’impennata dell’inflazione e l’aumento dei costi dell’energia stanno determinando un netto peggioramento della situazione. Costi dell’energia, peraltro, che paghiamo due volte, quando arrivano le bollette rincarate e quando vengono dati aiuti alle aziende, scaricati poi sul debito pubblico. È evidente che di questi incrementi inflativi si dovrà tenere conto a livello contrattuale: è un cambiamento che non potrà essere ignorato in occasione dei rinnovi dei contratti di categoria.

 

Pubblicato in Notizie

Supplenti brevi e Covid ricorso: cosa fare se nel cedolino manca il salario accessorio (retribuzione professionale docenti – RPD, compenso individuale accessorio – CIA).

Per tutto il personale di ruolo e supplenti con tre anni si servizio ricorso per RICONOSCIMENTO ARRETRATI ED INTERO PERIODO PRE-RUOLO

La  UIL SCUOLA avvia ricorsi  per recuperare il 10% dello stipendio mensile come da giurisprudenza della Cassazione.(RPD DOCENTI E CIA ATA) e continua i ricorsi vincenti già dai nostri iscritti per il  RICONOSCIMENTO ARRETRATI ED INTERO PERIODO PRE-RUOLO

L’aumento mensile illegittimamente non corrisposto dall’amministrazione come a tutti i supplenti brevi per un’anzianità di servizio (0-14) corrisponde per il personale docente a 175,50 euro, per un collaboratore scolastico a 64,50  euro, per un Ata fino  a  66.90  euro, quasi uno stipendio in più a fine anno. Per adesioni ed info a riguardo SCRIVERE al seguente indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  o telefonare al 3280098213

Il personale docente e il personale Ata, chiamati in servizio per l’emergenza sanitaria che non solo ancora stanno attendendo la corresponsione dello stipendio, ma sono anche discriminati rispetto al personale precario annuale o di ruolo perché il loro contratto, essendo stipulato fino al termine delle lezioni, quindi in “supplenza breve”, non prevede l’emolumento accessorio denominato CIA (Compenso Individuale Accessorio, per il personale ATA 64,50 Euro al mese, per i collaboratori scolastici 66,90 euro) e RPD (Retribuzione Professionale Docente, per i docenti, appunto, per una cifra che varia dai 174,50 euro mensili, ai 214,80, ai 273,20 euro a seconda dell’anzianità di servizio, 0-14, 15-27, 28-42). 

La questione è già stata chiarita dalla Suprema Corte di Cassazione ed è palesemente illegittimo non corrispondere ai “supplenti brevi” quanto, invece, riconosciuto al personale di ruolo o con supplenze al 30 giugno o al 31 agosto. Anche il “supplente breve e suplente Covid” deve ricevere RPD o CIA nello stipendio mensile”.  Quindi è più che consigliato aderire a questo ricorso.

La Retribuzione Professionale Docente o il Compenso Individuale Accessorio per il personale ATA, come si legge nelle sentenze già ottenute dal nostro studio legale per il personale con “supplenza breve”, rientra “nelle «condizioni di impiego» che, ai sensi della clausola 4 dell’Accordo quadro allegato alla direttiva 1999/70/CE, il datore di lavoro, pubblico o privato, è tenuto ad assicurare agli assunti a tempo determinato i quali «non possono essere trattati in modo meno favorevole dei lavoratori a tempo indeterminato comparabili per il solo fatto di avere un contratto o rapporto di lavoro a tempo determinato, a meno che non sussistano ragioni oggettive”. L’art. 7, comma 1, del CCNL per il personale del comparto scuola del 15 marzo 2001, che attribuisce la retribuzione professionale docenti a tutto il personale docente ed educativo, dunque, deve essere interpretato “nel senso di ricomprendere nella previsione anche tutti gli assunti a tempo determinato, a prescindere dalle diverse tipologie di incarico previste dalla l. n. 124 del 1999”. Stesso discorso, ovviamente, vale per il personale che ha stipulato quest’anno un cosiddetto “contratto Covid”, accettando una supplenza fino al termine delle lezioni cui il Ministero continua a negare RPD e CIA.

La norma contrattuale che riconosce RPD e CIA non opera alcuna distinzione in ordine alle diverse tipologie di supplenze e, dunque, anche per il personale assunto per espletare incarichi di durata inferiore a quella annuale, non importa se fino alla fine delle lezioni o per pochi giorni, si pongono le medesime finalità di valorizzazione della funzione e di riconoscimento del ruolo svolto dagli insegnanti e dal personale ATA, in relazione alle quali il trattamento accessorio (RPD o CIA) è stato istituito e deve essere sempre riconosciuto anche per queste “supplenze brevi”. 

L’ammontare mensile di RPD e CIA, lo ricordiamo, varia da 174,50 Euro a 273,20 Euro per i docenti e da 64,50 a 66,90 Euro per il personale ATA. I ricordi si possono fare anche per ogni anno di servizio in supplenza breve trascorso.

Inoltre, in caso il Ministero e le Ragionerie non concretizzeranno il pagamento degli stipendi arretrati al “personale Covid”, l’Anief procederà con ulteriori azioni legali, anche con decreto ingiuntivi, per ottenere l’immediato pagamento del dovuto. “Non possono sempre essere i precari della scuola a “pagare lo scotto” di ritardi e discriminazioni  il nostro sindacato non permetterà oltre il perpetrarsi di quello che appare come un vero e proprio abuso nei confronti dei precari che hanno stipulato supplenze covid”.

Per adesioni ed info a riguardo SCRIVERE al seguente indirizzo email : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  o telefonare al 328 0098213

Pubblicato in Notizie: UIL Scuola

“La scuola, soprattutto in questa fase delicata, rappresenta un pilastro essenziale per la tenuta sociale e democratica del nostro Paese, ne rafforza la coesione e la giustizia sociale. Da parte del Governo occorre un segnale di attenzione vero e tangibile. Per questo domani saremo al fianco di tutte le lavoratrici e i lavoratori che parteciperanno allo sciopero della scuola pubblica”. Lo affermano i segretari generali di Cgil e Uil Maurizio Landini e PierPaolo Bombardieri alla vigilia della mobilitazione promossa da Flc Cgil, Uil Scuola, insieme a Snals e Gilda.

Per i leader di Cgil e Uil: “Le professionalità di tutti coloro che operano nella scuola sono indispensabili, la pandemia l’ha dimostrato, e vanno valorizzate attraverso un investimento vero, importante e non con spiccioli a dedizione, inoltre i precari vanno stabilizzati”. “La battaglia delle lavoratrici e dei lavoratori della scuola - affermano Landini e Bombardieri - fa parte di una più ampia battaglia che tutti insieme stiamo portando avanti contro una manovra insoddisfacente, in particolare su fisco, pensioni, politiche industriali, contrasto alla precarietà del lavoro. Una battaglia che culminerà giovedì prossimo, 16 dicembre, nello sciopero generale di otto ore, proclamato da Cgil e Uil ‘Insieme per la giustizia’. Lo sciopero - sottolineano i segretari generali delle due Confederazioni - è uno strumento di partecipazione democratica, uno strumento per incidere nelle dinamiche sociali, per far crescere la nostra democrazia. Insieme - concludono - si può fare la differenza”.

Pagina 1 di 86

Sempre con voi

UIL Alessandria

© 2021. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy | Cookie Policy
Web by ModusOperandi

Search

No Internet Connection