Notizie

Notizie

Visualizza articoli per tag: zeromortisullavoro

Più di 400.000 le denunce di infortuni e una crescita di più del 7% per le denunce di malattie professionali.
Lo scorso anno le ispezioni nelle aziende hanno evidenziato irregolarità per il 69% delle aziende controllate.
Per salute e sicurezza sul lavoro si arriva al 77% di irregolarità. E questo con una quantità di organi di controllo e vigilanza ridicola per 1.600.000 imprese.
Non sono numeri! Sono persone!


LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NON E’ ARGOMENTO DI INTERESSE PER LA CAMPAGNA ELETTORALE, EPPURE, RIGUARDA LA VITA DELLE PERSONE, LA LORO DIGNITA’, I DIRITTI FONDAMENTALI.
Non possiamo accettarlo!
Tutti i finanziamenti alle imprese, che aumentano per l’attuazione del PNRR, devono essere condizionati ad investimenti in salute e sicurezza sul lavoro.
Deve essere previsto e preteso che le IMPRESE DI OGNI SETTORE seguano CRITERI DI QUALIFICAZIONE (anche attraverso il modello della patente a punti) e che siano applicati SOLO i contratti collettivi di lavoro stipulati da Associazioni Sindacali comparativamente più rappresentative, soprattutto quando si parla di APPALTI pubblici, PENA L’ESCLUSIONE DAI BANDI STESSI.
Chiediamo FORMAZIONE e ADDESTRAMENTO per tutte le lavoratrici ed i lavoratori, per tutti i tipi di contratto, all’inizio dell’attività lavorativa, prima di adibire alla mansione.

Vogliamo la FORMAZIONE per i DATORI DI LAVORO quale requisito per l’avvio o l’esercizio dell’attività d’impresa.
E’ ESSENZIALE il RAFFORZAMENTO DEI CONTROLLI da parte del “SISTEMA VIGILANZA” – INL, ASL, INAIL, INPS
- NELLE AZIENDE in termini di qualità, quantità e frequenza, e la realizzazione TRA QUESTI ISTITUTI di un COORDINAMENTO, di un CONFRONTO e di COLLABORAZIONE CONCRETA E PERMANENTE CHE COINVOLGA ANCHE LE PARTI SOCIALI.
Vogliamo la GARANZIA, anche attraverso l’AZIONE ISPETTIVA, dell’adozione della contrattazione collettiva maggiormente rappresentativa a tutti i livelli: nazionale, territoriale e aziendale affinché siano ESTESE in MODO CERTO a tutti i lavoratori e le lavoratrici le tutele in tema di SALUTE E SICUREZZA.
I lavoratori e le lavoratrici di oggi fanno i conti con un lavoro che cambia, con innovazioni tecnologiche e digitali, cambiamenti climatici, precarizzazione del lavoro, invecchiamento della forza lavoro. Chiediamo l’AVVIO DI TAVOLI DI CONFRONTO SU QUESTI TEMI, TRA MINISTERI COMPETENTI, PARTI SOCIALI E ISTITUTI ED ENTI DI RICERCA. Va portata avanti l’analisi delle cause infortunistiche, delle tecnopatie e per la ricerca sui rischi emergenti; vanno affrontati i temi delle violenze e delle molestie sul lavoro come indicato dalle
norme di legge e dai contratti nazionali.
Vogliamo che la MATERIA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ENTRI NEI PROGRAMMI SCOLASTICI perché non sia solo una conoscenza di norme ma si concretizzi il rispetto del valore della vita umano.
CHIEDIAMO ALLE FORZE POLITICHE CHE SI PRESENTANO AL VOTO L’IMPEGNO PER FERMARE QUESTA STRAGE


Roma, 16 settembre 2022

Nella notte tra sabato 2 e domenica 3 aprile nello stabilimento Acciaierie d’Italia di Novi Ligure si è verificato un grave infortunio sul lavoro. 

Un dipendente dell’ex ILVA di Novi Ligure, che lavorava nel reparto zincatura, si è ferito gravemente alle dita di una mano.

Sono ancora in corso le verifiche e gli accertamenti da parte delle autorità competenti. 

Questo è l’ennesimo episodio di infortunio che registriamo in provincia di Alessandria. 

FIM, FIOM e UILM di Alessandria tornano a ribadire la necessità di portare avanti un percorso mirato di sensibilizzazione all’interno delle aziende, grandi e piccole senza distinzione alcuna, che coinvolga i lavoratori e le aziende stesse sull’importanza della prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro.

La situazione è diventata emergenziale in tutta Italia, anche la nostra provincia non si esime e sta registrando continui episodi di infortunio sui luoghi di lavoro, per non parlare degli infortuni mortali come quello dello scorso venerdì alla Cavalleri di Arquata Scrivia.

Il rispetto puntuale, sistematico e rigoroso delle norme sulla salute e la sicurezza, oltre all’esigenza di maggiori controlli da parte degli enti preposti è l’unica strada possibile da seguire. 

FIM – FIOM – UILM Alessandria

Pubblicato in Comunicati Stampa: UILM

Lo scorso venerdì si è verificato un tragico infortunio sul lavoro nel quale, Davide un giovane operaio di 32 anni, dipendente dell’azienda Cavalieri di Arquata Scrivia, ha perso la vita. Il Giovane è morto sul colpo, dopo essere stato colpito alla testa da una bacchetta di ferro in lavorazione al tornio.

E’ intollerabile che si continuino a verificare morti e incidenti sul lavoro a cadenza quasi giornaliera. Quello che si è consumato ieri è gravissimo è l’ennesimo incidente in una azienda metalmeccanica nel territorio Alessandrino, bisogna intervenire alzando i controlli e la formazione. Bisogna da subito lavorare sulla sicurezza, l’obbiettivo deve essere zero incidenti nei luoghi di lavoro. Per farlo è necessario lavorare senza sosta sulla cultura della sicurezza anche personale che si coltiva ogni giorno attraverso investimenti e formazione. La sicurezza sul lavoro non deve essere vissuta come un costo ma come un investimento constante per la tutela e valorizzazione dei lavoratori, servono più controlli da parte degli organi competenti ma anche interventi della magistratura per le aziende inadempienti.

Continueremo a portare avanti un percorso mirato di sensibilizzazione all’interno delle aziende che continui a coinvolgere i lavoratori le lavoratrici e le stesse aziende sull’importanza sui temi della salute e delle sicurezza sul lavoro, sensibilizzare su un tema così importante diventa la priorità.

Fim Fiom e Uilm Alessandria esprimono il proprio cordoglio alla Famiglia di Davide che ieri ha perso la vita.

 

 

Alessandria,02-04-2022                                                            Fim-Fiom-Uilm Alessandria

Pubblicato in Comunicati Stampa: UILM

Ancora una volta, a distanza di soli pochi giorni dall’infortunio sul lavoro avvenuto lo scorso venerdì alla COLD CAR di Occimiano, FIOM, FIM e UILM Alessandria apprendono di un nuovo incidente accaduto alla BOBST ITALIA di San Giorgio M.to nel pomeriggio di ieri, mercoledì 23 febbraio.

Un lavoratore di circa 60 anni è infatti caduto da una scala precipitando da un’altezza di 2 metri circa. Il dipendente ha riportato un presunto trauma cranico e fratture alle vertebre e allo sterno.

Le tre sigle tornano quindi a ribadire la necessità di portare avanti un percorso mirato di sensibilizzazione all’interno delle aziende che coinvolga i lavoratori e le aziende stesse sull’importanza dei temi salute e sicurezza sul lavoro. La situazione è diventata emergenziale in tutta Italia, anche la nostra provincia non si esime e sta registrando continui episodi di infortunio sui luoghi di lavoro, per non parlare dei casi di morte.

Il rispetto puntuale, sistematico e rigoroso delle norme sulla salute e la sicurezza, oltre all’esigenza di maggiori controlli da parte degli enti preposti è l’unica strada possibile da seguire. Per questo, come già annunciato, dalla prossima settimana si inizierà un percorso di sensibilizzazione e prevenzione all’interno di tutte le aziende metalmeccaniche della provincia.

 

FIOM – FIM – UILM Alessandria

Pubblicato in Notizie: UILM

Le Organizzazioni Sindacali FILT CGIL - FIT CISL - UILTrasporti - UGL Ferrovieri SML FAST Confsal del Piemonte congiuntamente alle Segreterie Provinciali di Torino e Alessandria, esprimono vicinanza e cordoglio alla famiglia della vittima coinvolta nel tragico incidente ferroviario avvenuto nella tarda serata di ieri nello scalo merci di Torino Orbassano.
Nell’incidente ha perso la vita un collega macchinista che dalle prime ricostruzioni sarebbe stato coinvolto durante alcune operazioni di manovra del convoglio, nonostante ciò, in attesa che gli organi competenti possano ricostruire la dinamica di quanto accaduto ed individuare le cause e le responsabilità, abbiamo chiesto un incontro urgente alla Società Mercitalia Rail.

La gravità dell’incidente ci riporta, ancora una volta, all’emergenza della sicurezza nei luoghi di lavoro che, oggi più che mai, è una responsabilità che ogni giorno deve interrogare ed indirizzare l'attività di tutti i soggetti coinvolti nei processi produttivi.

Nel caso specifico nel corso degli ultimi anni più volte queste Organizzazioni Sindacali e gli RLS hanno evidenziato rischi per la salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto, riguardanti in particolare una strutturale carenza di personale e di conseguenza turni di lavoro al di fuori delle regole contrattuali.

Infine le Organizzazioni Sindacali chiederanno alla Società di attivare una raccolta fondi per sostenere i familiari del collega che ha perso la vita.


Torino / Alessandria, 15 dicembre 2021

Pubblicato in Notizie: UIL Trasporti

Nei giorni scorsi è stato approvato il decreto fiscale n. 146, che introduce importanti misure riguardanti la salute e la sicurezza sul lavoro.

Per i sindacati delle costruzioni “il decreto va nella giusta direzione, ma vi sono alcune correzioni da fare già in fase di conversione e mancano alcune scelte di fondo. Per queste ragioni, e per riconoscere l’uscita anticipata in pensione per i lavoratori delle costruzioni, non si ferma la mobilitazione unitaria di FenealUil, Filca Cisl e Fillea Cgil, che culminerà il 13 novembre prossimo con una manifestazione nazionale a Roma con i Segretari Generali di CGIL, CISL e UIL”.

“In quella occasione - dichiarano Vito Panzarella, Enzo Pelle e Alessandro Genovesi, leader delle tre organizzazioni di categoria -  rilanceremo le nostre richieste unitarie, tra le quali in primis vi è l’attuazione e l’avvio della Patente a Punti (art. 27 del Testo Unico), tramite la rapida acquisizione delle informazioni utili con la nuova banca dati nazionale, allo scopo di premiare le imprese serie e virtuose e penalizzare quelle più scorrette”.

“Idee e proposte non mancano, in un momento in cui il Settore sta conoscendo una grande crescita grazie ai vari incentivi e consapevoli che buona parte del PNRR verrà messo a terra, attraverso appalti pubblici di lavori. Il momento è adesso perché crescita, buona occupazione e sicurezza, vadano di pari passo”, concludono i tre Segretari, dando appuntamento a tutti in piazza Santi Apostoli, a Roma, il prossimo 13 novembre alle ore 9:30.

(fenealuil.it)

Pubblicato in Notizie: FeNEAL

Lo scorso sabato, 23 ottobre, siamo stati lieti di ospitare nel capoluogo di provincia la tappa alessandrina del #UILTOUR2021, iniziativa nazionale della UIL finalizzata all'incontro con i cittadini anche fuori dalle sedi sindacali. Il truck blu UIL ha iniziato il viaggio che lo porterà in 27 piazze italiane, in altrettante città. Il giorno prima il truck UIL aveva toccato la città di Torino, per l'appuntamento in Piazza Castello.

E' stata una grande mattinata, ricca di spunti e riflessioni sui tanti settori seguiti dalle categorie UIL, con focus sui temi salute e sicurezza sul lavoro. Ringraziamo tutti gli intervenuti che hanno potuto trovare sotto ai gazebo anche il personale dei servizi Caf, ital, ma anche ADOC, ADA, Uniat e Ufficio H sempre pronto a fornire informazioni e assistenza con grande professionalità e competenza.
Ivana Veronese, Segretaria nazionale UIL, ha potuto seguire in collegamento tutta la tavola rotonda su Salute e sicurezza sui luoghi di lavoro per poi intervenire alla fine della mattinata.

Siamo certi che aver scelto di approfondire questo tema, legato all'importanza dei controlli, sia un messaggio importante da lanciare alla città. 
Nonostante la nebbia, Viale della Repubblica si è colorato di blu ed era piu' allegro che mai!

Grazie a tutti i cittadini che hanno voluto partecipare.

#UILTOUR2021 #ZeroMortiSulLavoro #terzomillennio 

Pubblicato in Notizie

Sabato 23 ottobre farà tappa ad Alessandria il UIL TOUR 2021.

Quest'anno, la UIL ha lanciato un'iniziativa nazionale finalizzata all'incontro con i cittadini e i lavoratori. Un truck attrezzato, lungo oltre 10 metri, ha iniziato pochi giorni fa il giro d’Italia che permetterà di raggiungere 27 città e piazze italiane. Dopo aver toccato Umbria, Toscana e Liguria il truck UIL, attrezzato per trasformarsi in un palco, con un maxi schermo e un salottino, arriverà in Piemonte facendo tappa a Torino venerdì 22 ottobre e sabato mattina 23 ottobre, ad Alessandria, in Viale della Repubblica, davanti al Teatro comunale.

(Ecco il teaser UIL TOUR 2021: https://m.facebook.com/uilofficial/videos/teaser-uil-tour-2021-nelle-piazze-con-le-persone-per-ridisegnare-litalia/1068800190541194/?_rdr )

In mattinata, dalle 9 alle 12.30 circa, si susseguiranno una serie di iniziative.

L’avvio della giornata sarà scandito dalla proiezione su led di video relativi alla campagna #zeromortisullavoro (link qui: https://terzomillennio.uil.it/zero_morti/ ), sul tema della sicurezza sul lavoro, che sta particolarmente a cuore alla UIL. Verrà presentata anche la piattaforma di informazione e discussione della UIL #TerzoMillennio (link qui: https://terzomillennio.uil.it/community-3/). La piattaforma nasce per sollecitare lo scambio e la condivisione, per rendere il sindacato ancora più accessibile a tutti.

I segretari provinciali delle categorie UIL prenderanno la parola per illustrare i problemi e le proposte per i diversi settori lavorativi. Saranno allestiti gazebo dove i cittadini potranno trovare operatori dei servizi UIL, del patronato ITAL e del CAF, dell’A.D.O.C (Associazione per i Diritti e l’Orientamento dei Consumatori), dell’UNIAT Unione nazionale inquilini ambiente e territorio, dell’A.D.A (Associazione per i Diritti degli Anziani).

E’ inoltre previsto un confronto su salute e sicurezza sul lavoro, con la partecipazione di Gianni Cortese, Segretario generale UIL Piemonte, Marcello Libener e Giuseppe Fracchia dello SPreSAL, Claudio Saletta, Ispettorato territoriale del lavoro di Alessandria e Asti, Paolo Quirico, Funzionario Servizio Lavoro Confindustria Alessandria, Fausto Pupo, Responsabile Servizio Sicurezza Lavoro di Confindustria Alessandria, Cesare Manganelli Direttore Confapi Alessandria, Alice Pedrazzi Direttore ASCOM Alessandria.
Interverrà il Direttore INAIL di Alessandria Cristina Romagnoli.

Modera la tavola rotonda Piero Bottino, giornalista de La Stampa.

Le conclusioni saranno svolte da Ivana Veronese, Segreteria UIL Nazionale in collegamento da Roma.

Aldo Gregori, Segretario UIL Alessandria: “Siamo molto contenti che un’iniziativa così innovativa, mai sperimentata prima nel mondo sindacale, possa far tappa ad Alessandria. La nostra priorità, specie dopo un anno e mezzo di pandemia, è ritrovare e mantenere uno stretto contatto con le persone, giovani, lavoratori, pensionati, perché ciascuno possa dialogare con noi ed esporre criticità e problemi. Oltre a ribadire l’importanza del lavoro, vogliamo far conoscere la campagna #zeromortisullavoro che da inizio anno la UIL porta avanti.

Proprio in pandemia si sono registrati 1200 morti sul lavoro, un dato inaccettabile. A livello nazionale la UIL sta lavorando con il Governo da una parte e con progetti di formazione da portare anche nelle scuole per sensibilizzare e prevenire infortuni e morti sul luogo di lavoro.

Invitiamo tutti a venirci a trovare e trasformare questa occasione in un ulteriore momento di scambio e confronto con i cittadini.”

Pubblicato in Notizie

Una piazza stracolma, di quelle che passano alla storia e che ha saputo rispondere, con un pacifico tripudio di colori blu, verde e rosso, ai rigurgiti della violenza squadrista. Questa è stata San Giovanni, che lo scorso sabato a Roma ha ospitato la grande manifestazione di Cgil, Cisl, Uil “Mai più fascismi, per il lavoro, la partecipazione, la democrazia”.

Un’iniziativa decisa dai tre Segretari generali, PierPaolo Bombardieri, Luigi Sbarra, Maurizio Landini per rispondere, unitariamente, all’assalto al Sindacato di Corso Italia e all’attacco a tutto il Sindacato confederale, ma anche per rivendicare occupazione, riforme, sviluppo.
“È una grande manifestazione democratica, unitaria - ha detto dal palco il leader della Uil - per dire no al fascismo e a qualsiasi estremismo e sì a un Paese unito: in questa piazza c’è la nuova resistenza. Una piazza che chiede di essere ascoltata anche perché nel Paese c’è un disagio sociale che non è più accettabile e le diseguaglianze aumentano dal Nord al Sud, con oltre 1 milione di poveri in più da inizio pandemia e 5 milioni di poveri assoluti: è questa la vera emergenza.

Noi - ha proseguito Bombardieri - diciamo che il profitto non può prevalere su tutto: non possiamo esserne succubi. E alla sostenibilità economica va affiancata la sostenibilità sociale. Serve una riforma sociale, serve lavoro stabile, servono investimenti - ha concluso Bombardieri - rispettando le persone, la qualità della vita, la sicurezza”.

dal sito UIL.it  https://www.uil.it/NewsSX.asp?ID_News=15029&Provenienza=1 

Pubblicato in Notizie
Pagina 1 di 2

Sempre con voi

UIL Alessandria

© 2021. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy | Cookie Policy
Web by ModusOperandi

Search

No Internet Connection