Notizie

Notizie

Visualizza articoli per tag: uil alessandria

Nella giornata di martedì 13, in Prefettura ad Alessandria, si è tenuto un incontro tra la direzione ASL AL e le Organizzazioni sindacali.

In modo perfettamente allineato la RSU e le Organizzazioni sindacali hanno richiesto che si proceda con la stabilizzazione del personale, con l’assunzione del personale OSS dalla graduatoria, con l’assunzione del personale infermieristico che uscirà dal prossimo concorso che si terrà tra la fine dell’anno e gennaio 2023.

Il Direttore Generale ha espresso la volontà di voler stabilizzare gli operatori da confermare presenti nelle liste pubblicate nelle scorse settimane.

Essendo pervenuta una comunicazione alla Direzione, differente da quelli che erano gli accordi raggiunti, tra Regione e Organizzazioni sindacali.

Si procederà con la richiesta di incontro da parte della direzione ASL AL e OO.SS. alla Regione.

La RSU e le Organizzazioni sindacali ritengono che la risoluzione di questa situazione sia di sostanziale importanza per il benessere lavorativo degli operatori interessati che dopo due anni di assoluta incertezza si auspica riescano a raggiungere la meritata stabilità.

 

UIL FPL Alessandria

Venerdì 25 novembre, nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, verrà inaugurata ad Alessandria la prima panchina rossa presente in città per sensibilizzare la cittadinanza sul tema della violenza di genere.

CGIL, CISL e UIL Alessandria, promotori dell’iniziativa, hanno voluto che in uno spazio pubblico della città venisse collocata una panchina rossa, simbolo riconosciuto per ricordare il fenomeno del femminicidio.

La realizzazione è stata possibile grazie alla collaborazione con il Comune di Alessandria che ha accettato la nostra richiesta e si è messo a disposizione per la realizzazione pratica.

Potete trovare la panchina rossa all’interno dell’Area giochi di Via Pietro Campi, lato Scuola primaria Morbelli (quartiere Cristo). L’inaugurazione è fissata alle ore 10 del 25 novembre proprio davanti alla panchina alla presenza di Marica Barrera, Vicesindaco di Alessandria.

Sulla panchina verrà posta una targa che riporta la frase “La violenza sulle donne è una sconfitta per la società”. Inoltre accanto ai loghi di CGIL CISL UIL e Comune di Alessandria ci sarà il logo #panchinerosse degli Stati Generali delle Donne che ha ideato il progetto e posizionato la prima Panchina Rossa a Lomello nel 2016.

Dichiarazione unitaria di CGIL, CISL e UIL: “Siamo contente che la nostra città abbia un simbolo contro la violenza sulle donne e i femminicidi che, come ci riportano i fatti di cronaca, sono sempre presenti. Con la sua posa commemoriamo simbolicamente tutte le donne vittime di violenza per mano maschile che non sono più tra noi. La panchina rammenta che violenza e discriminazione non devono mai più esistere”.

La posa della panchina rossa nella città di Alessandria - dichiara il Vicesindaco di Alessandria Marica Barrera - testimonia l’impegno dell’Amministrazione nel favorire il buon lavoro delle donne e degli uomini impegnate nelle istituzioni cittadine che hanno come scopo lo sviluppo della nostra città, anche sotto il punto di vista delle tutele e dei diritti. La panchina rossa è un arredo urbano che si trasforma in simbolo con un duplice fine: la sensibilizzazione riguardo la piaga sociale della violenza di genere, domestica e psicologica, sullo stalking e sul femminicidio; il ricordo delle donne vittime di questi reati proprio in virtù del loro genere.


Ringraziamo le tre sigle sindacali coinvolte che hanno promosso unitariamente questa importante iniziativa, anche a testimonianza di un lavoro quotidiano che CGIL, CISL e UIL compiono nella tutela dei diritti acquisiti e sull’avanzamento di quelli ancora negati; si tratta di un contribuito prezioso perché la capillarità della loro presenza sul territorio è un punto di forza utilissimo anche in questo ambito nel quale l’aiuto attivo è fondamentale”.

L'alessandrina Adele Di Meo è stata nominata Coordinatrice Pari Opportunità UIL Piemonte.

Il Coordinamento regionale è una struttura politica voluta dalla UIL al fine di diffondere la cultura delle pari opportunità e attuare politiche di genere, promuovere azioni positive per garantire equità nel lavoro, nella vita e nello studio, combattendo ogni forma di discriminazione, molestia e violenza.

Temi sempre cari al Coordinamento sono l’attenzione per le realtà più fragili, come la condizione delle donne afghane e iraniane, i diritti LGBT, la difesa dell’autodeterminazione e della libera scelta delle donne sul proprio corpo e la propria salute. Su tutti questi temi la UIL, anche ad Alessandria, si è spesa ancora recentemente organizzando o aderendo a iniziative di sensibilizzazione e mobilitazione come incontri, convegni e campagne.

Adele Di Meo: “Sono a capo del coordinamento P.O. della UIL di Alessandria, nato nel 2019, che in questi anni ha già intrapreso molte battaglie e non vogliamo rinunciare a continuare a far crescere questa cultura sul territorio. Onorata della nomina sono consapevole che c’è ancora molto da fare affinchè la società e le sue donne possano vivere in un contesto inclusivo, democratico e rispettoso delle differenze di genere viste come valore aggiunto anche per la crescita del Paese.

Sarà mia cura accompagnare le iniziative anche degli altri territori all’insegna di questi valori”.

La morte di Mahsa (Jina) Amini, una giovane donna di soli 22 anni avvenuta lo scorso 16 settembre a Teheran, a seguito dell’arresto e delle percosse da parte dalla polizia religiosa iraniana perché non portava il velo in modo corretto, e l’uccisione di Hadis Najafi, diventata ragazza simbolo delle proteste per l’omicidio di Mahsa Amini e di tante altre giovani hanno scatenato la rivolta in tutto il Paese, e una dura repressione da parte del regime.

Al motto Donna, Vita, Libertà come CGIL, CISL e UIL di Alessandria, guidate dal Gruppo Politiche di genere (CGIL), dal Coordinamento Politiche di genere (CISL) e dai Coordinamento Pari Opportunità e Diritti (UIL Alessandria) vogliamo unirci e dimostrare solidarietà e vicinanza alle donne iraniane.

Queste donne coraggiose stanno subendo da anni l’annientamento dei diritti e non sono disposte a cedere, per questo da tempo sono scese in piazza per protestare per i diritti umani e accanto a loro non manca l’appoggio degli uomini iraniani che gridano le stesse parole simbolo di questa tremenda pagina di storia.

Anche molte associazioni alessandrine e alcune amministrazioni comunali hanno aderito all’appello e si sono unite a questa rete solidale per organizzare una due giorni di eventi a tema che si svolgeranno ad Alessandria i prossimi 26 e 27 ottobre.

Vogliamo che anche dal nostro territorio si possa diffondere il messaggio, dimostrare interesse e attenzione per una strage di diritti che vede ancora una volta le donne come vittime, un po' come era accaduto in Afghanistan. Nel nostro piccolo vogliamo diventare amplificatore della voce e delle richieste delle donne e degli uomini iraniani.

Questi gli appuntamenti in programma:

MERCOLEDI 26 OTTOBRE 2022

9.00 - 11.00 Teatro Ambra

proiezione per le scuole del docu-film "Be my voice”  Regia di Nahid Persson, un film con Masih Alinejad.

(La giornalista e attivista Masih Alinejad ha esortato le donne iraniane a ribellarsi contro l'hijab forzato sui social media. Il suo appello all'azione è diventato uno dei più grandi atti di disobbedienza civile nell'Iran di oggi.)

 

21.00 - 23.00 Teatro Ambra

proiezione aperta a tutta la cittadinanza del docu-film "Be my voice"

Regia di Nahid Persson, un film con Masih Alinejad.

 

GIOVEDI 27 OTTOBRE 2022

11.00 - 12.30 Marcia “Donna Vita Libertà”

Partenza da Piazza della Lega fino a Piazza Libertà davanti alla Prefettura

18.00 - 20.00 Associazione Cultura e Sviluppo- P.zza De André

Incontro e dibattito con Farian Sabahi. Presenta la nuova edizione del suo libro "Noi donne di Teheran".

Non possiamo accettare quello che è accaduto e che si sta verificando. La nostra è una ferma condanna della repressione in atto e una profonda solidarietà alle donne e agli uomini in lotta in Iran per la libertà, la democrazia e il rispetto dei diritti fondamentali. Per affermare il principio di non discriminazione, e in particolare di uguaglianza tra uomini e donne, oltre a tutti gli altri generi, un principio chiave del diritto internazionale dei diritti umani, sancito nella Dichiarazione universale dei diritti umani.
Lo sentiamo come un dovere collettivo della comunità locale, nazionale e internazionale

Invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare alle iniziative previste, ricordando che tutti gli appuntamenti sono gratuiti e ad ingresso libero.

Dall’inizio del 2022 sono oltre 600 i morti sul lavoro, una media di 3 al giorno e più di 400.000 le denunce per infortuni, crescono del 7% le denunce di malattia
professionale. 
Nel 2021 le ispezioni nelle aziende italiane per salute e sicurezza hanno evidenziato il 77% di irregolarità.
In Piemonte nei primi mesi dell’anno si è registrata una crescita degli infortuni del 40% e gli incidenti mortali sul lavoro sono stati 48.

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NON SONO STATI ARGOMENTI DI INTERESSE PER LA CAMPAGNA ELETTORALE DA POCO CONCLUSA, EPPURE RIGUARDA LA VITA DELLE PERSONE, LA LORO DIGNITA’, I DIRITTI FONDAMENTALI
CHIEDIAMO:
formazione e addestramento per tutte le lavoratrici e i lavoratori per tutti i tipi di contratto all’inizio delle attività lavorativa e la formazione per i datori di lavoro che iniziano una attività di impresa;

il rafforzamento dei controlli da parte del “sistema vigilanza” nelle aziende e un confronto permanente da parte loro con le parti sociali;

tavoli di confronto con i ministeri competenti per il lavoro che cambia, su innovazioni tecnologiche e digitali, cambiamenti climatici, precarizzazione del lavoro, invecchiamento della forza lavoro, affrontare i rischi infortunistici conosciuti e quelli emergenti, i temi delle violenze e le molestie sul lavoro;

che la materia della salute e sicurezza sul lavoro entri nei programmi scolastici perché non sia solo una conoscenza di norme ma si concretizzi il rispetto del
Mercoledì 19 ottobre al teatro Ambra i rappresentanti dei/delle lavoratori/trici per la sicurezza di CGIL-CISL-UIL si riuniranno per preparare la manifestazione nazionale che si terrà a Roma il 22 ottobre in Piazza Santi Apostoli per chiedere alle forze politiche che si apprestano a insediarsi alla Camera e al Senato di impegnarsi per fermare questa strage.


CGIL Alessandria  CISL Alessandria Asti  UIL Alessandria

Pubblicato in Notizie

La Regione Piemonte continua la sua crociata contro diritti civili e sociali: con il finanziamento pubblico (460mila euro) del fondo vita nascente non si tutelano i nascituri e le famiglie!

CGIL e UIL di Alessandria denunciano nuovamente le decisioni che stanno alla base dei provvedimenti che la Regione Piemonte sta portando avanti rispetto a diritti, autodeterminazione e libertà di scelta delle donne in merito alla possibilità di ricorrere all’aborto come previsto dalla legge 194/78.Il 10 ottobre scorso la delibera di Giunta sugli stanziamenti per il fondo Vita Nascente è stata votata in Commissione regionale.

Non ci sentiamo rappresentate da chi apre un atto istituzionale sostenendo che questo provvedimento sia finalizzato ad “evitare che l’aborto divenga uno strumento di controllo delle nascite”. Esiste già la legge 194/78 che ha dato negli anni ottimi risultati attraverso la prevenzione e la diminuzione delle interruzioni di gravidanza.

Il servizio pubblico da sempre si prende carico dei percorsi di aiuto alle donne gestanti in ordine al riconoscimento o non riconoscimento del nascituro e all’esigenza di segretezza del parto, anche se sono situazioni molto diverse tra loro.

Tale provvedimento denota la totale mancanza di rispetto nei confronti delle donne e rende esplicito il pensiero di questa Giunta regionale che con questa delibera intende costruire un’impalcatura privata - per il 99% costituita da associazioni integraliste antiabortiste e pro vita – per occuparsi, sulla carta, delle donne incinte in difficoltà che attualmente vengono prese in carico dai servizi socio-assistenziali dei Comuni e dei Consorzi e dai Consultori pubblici nello svolgimento delle funzioni loro assegnate dalla legge, che invece vengono svalorizzati e non sostenuti con il rafforzamento di strutture e organici.

Inoltre il 10% dello stanziamento sarà devoluto per la pubblicizzazione del fondo stesso e le associazioni antiabortiste potranno utilizzare il logo della regione senza alcun controllo.

Infine nel testo non è mai citata la voce di spesa “prevenzione” che è la premessa per far sì che anche nella nostra regione si realizzino condizioni favorevoli per la scelta consapevole di maternità, ad esempio promuovendo la gratuità della contraccezione.

NOI non ci sentiamo parte di questa narrazione e CHIEDIAMO:

➔ l'attivazione di tutte le misure di prevenzione, compresa la contraccezione gratuita

➔ il pieno riconoscimento del lavoro pubblico e del suo valore attraverso il potenziamento dei servizi sociali, del personale e dei consultori per tutte le fasce d'età

➔ risoluzione del problema del sovrannumero di medici obiettori di coscienza che di fatto, così facendo, impediscono l’applicazione e la fruizione da parte delle donne della legge 194/78

➔ Investimenti in Sanità pubblica tramite assunzioni adeguate del personale in organico

➔ la piena tutela della salute sessuale e riproduttiva per tuttә

➔ il ricorso alle tecniche più moderne e l'immediata attivazione dei percorsi per l'aborto

farmacologico nei consultori

➔ il vero sostegno al reddito, alla genitorialità e al welfare e il contrasto alla precarietà del lavoro

 

Alessandria, 12 ottobre 2022

Scoraggiante e fortemente preoccupante la situazione del nostro Paese fotografata pochi giorni fa dal Rapporto Annuale Istat 2022 ed oggi dal XXI Rapporto Annuale Inps.

La pandemia ci consegna un Paese che è più "povero" di ieri, dove la povertà lavorativa è maggiore rispetto al resto d'Europa.
Il lavoro, elemento indispensabile per la crescita di un Paese, è sempre più povero e di scarsa qualità. Assistiamo ad una crescita incessante di occupazione a termine e di part time, prevalentemente involontari, in cui l'occupazione femminile ha il primato negativo europeo con una percentuale del 46% e dove il gap occupazionale, retributivo e di carriera rispetto agli uomini, presenta una forbice ampia.
Tutti elementi questi a cui si abbinano basse retribuzioni oggi e basse pensioni domani, ed un acuirsi delle diseguaglianze sociali.


Continuiamo da decenni a parlare di favorire un'occupazione di qualità per i giovani e le donne, ma sembra che per loro il tempo di una seria inclusione di qualità nel mercato del lavoro non ci sia mai. Sono stati i più colpiti dagli effetti occupazionali della pandemia a causa di lavori discontinui, vulnerabili, temporanei e spesso senza ammortizzatori sociali di sostegno.
E anche se il 2022 sembra vedere un recupero dell'occupazione, sapere che ciò è dovuto principalmente all'occupazione a tempo determinato è un segnale molto negativo.
Non è accettabile che le risorse di Next Generation, producano solo lavoro povero e precario.
Non è questo l'investimento che l'Europa ci ha chiesto.


Non è questa la finalità delle tante risorse che ci vengono messe a disposizione dalla Comunità Europea. Le risorse vanno orientate in primis in un investimento nelle persone, per un lavoro di qualità, che veda protagonisti soprattutto giovani, donne e chi vive nel mezzogiorno.
Il Patto che va fatto è proprio quello di contrastare le forme di lavoro precarie a favore del lavoro a tempo indeterminato e a tempo pieno. Solo così rispetteremo uno dei fondamentali obiettivi che ci ha consegnato l'Europa.


www.uil.it 
Roma, 11 luglio 2022

Oggi è una giornata importante per la storia della UIL di Alessandria.

Dopo due intensi mesi che, come accade ogni quattro anni, hanno visto lo svolgimento del momento congressuale per tutte le categorie della UIL di Alessandria, si conclude la stagione congressuale sul territorio con il 18° Congresso confederale della UIL di Alessandria.

Dopo 14 anni alla guida del sindacato, il Segretario generale Aldo Gregori lascia il suo ruolo e finisce un percorso lungo e di profonda crescita, qualitativa e quantitativa, per l'organizzazione.

Durante il 18° Congresso confederale della UIL di Alessandria, che si è svolto nel più ampio dei saloni conferenze dell'Hotel Diamante di Spinetta Marengo non sono mancati momenti toccanti legati al racconto della situazione sociale ed economica dell'intera provincia e dei cambiamenti avvenuti in questi ultimi anni.

Un video documentario fortemente voluto e fatto realizzare dal Segretario generale Aldo Gregori ha ripercorso gli ultimi quattro anni di attività della Camera sindacale, citando l’avvento della pandemia e la sfida che tutti si sono trovati a combattere l’emergenza sanitaria, internazionale ed umana che nessuno era preparato a sostenere. Ma sono stati anche raccontati i campi di azione sui quali si lavorerà nei prossimi anni, a partire dai settori in via di sviluppo come logistica, orafo, ecc…

Il mestiere dei sindacalisti si è dovuto sempre più trasformare in missione, come ha detto nella sua relazione Aldo Gregori, Segretario uscente, e ciascuno ha dovuto accompagnare lo smarrimento, le ansie e le paure dei lavoratori dei comparti che rappresentava. Il sindacato si è dimostrato ancora una volta necessario e ha dovuto adattarsi ai cambiamenti e alle nuove sfide.

La relazione congressuale del Segretario generale aveva come titolo Sindacato per tutti, la chiave per rafforzare il futuro e ha messo al centro ancora una volta un aspetto che ha fortemente caratterizzano i mandati e gli anni di operato di Aldo Gregori alla guida del sindacato UIL di Alessandria: le persone, l’attenzione per il sociale e in particolar modo per i soggetti più fragili.

A partecipare, oltre a tutta la segreteria della UIL Alessandria al sono stati Gianni Cortese, Segretario generale UIL Piemonte, Francesco Lo Grasso e Luca Cortese della Segreteria UIL Piemonte. Presenti anche oltre 100 delegati provenienti da tutte le categorie e numerosi ospiti e autorità istituzionali.

Non hanno voluto fare mancare la loro presenza anche Franco Armosino, Segretario generale CGIL Alessandria e Cristina Vignolo, Segretaria organizzativa CISL Alessandria presente anche a nome del Segretario generale CISL Alessandria Marco Ciani.

Anche da CGIL e CISL sono arrivate parole di sentito ringraziamento rivolte al Segretario UIL, al timone dell’organizzazione per 14 anni e compagno di molte battaglie e iniziative unitarie a tutti i livelli. Tutti hanno sottolineato l’umanità, l’attenzione e la lungimiranza che Gregori ha sempre dimostrato nell' affrontare questioni lavorative di grande attualità, vedi lo studio locale sul fenomeno del Gig Economy che risale ad anni fa, prima dell’avvio delle prime vertenze nazionali.

Nella relazione sono stati affrontati temi importanti come politiche attive per jl lavoro, necessità della riforma del fisco, welfare, formazione, sempre maggior impegno per combattere la piaga degli infortuni e delle morti sul lavoro e ancora inclusioni e reali pari opportunità.

Aldo Gregori, Segretario generale uscente UIL Alessandria: “Per me oggi si chiude un percorso iniziato con passione e grande attenzione 14 anni fa. Oggi le emozioni sono molte, ma a prevalere è un reale orgoglio per ciò che insieme abbiamo potuto realizzare, affermandoci come sindacato, lavorando duramente per prestare un servizio sempre sincero ai lavoratori, iscritti e simpatizzanti. La missione del sindacalista nel 2022 non può ridursi alla sfera prettamente lavorativa, anche se contratti e diritti restano il nostro focus. Senza perdere tutto questo però è necessario, come tutti noi abbiamo fatto, lavorare a 360 gradi per essere un riferimento per tutti. La UIL ambisce a diventare il sindacato delle persone, nessuno escluso e noi non vogliamo lasciare indietro nessuno. Sono felice per quanto ho potuto realizzare e so che lascio una squadra cresciuta da tutti i punti di vista e apprezzata anche dai colleghi delle altre confederazioni e dalle controparti. Resterò ovviamente in UIL sempre a disposizioni di tutti, con maggior tempo da dedicare a progetti per il sociale e ovviamente più tempo libero da trascorrere con i miei affetti, specie i miei nipoti.”

Alla fine dei lavori il Segretario Gregori, visibilmente emozionato, ha proposto come nuovo Segretario generale di Alessandria Claudio Bonzani, uscente segretario della UIL FPL di Alessandria. Per anni Bonzani ha seguito il mondo della Sanità pubblica e privata, delle Autonomie locali e del Terzo settore.

I delegati al Congresso hanno votato il nuovo Segretario che ha nominato la sua segreteria composta da Alberto Pastorello, Alessandro Porta, Paolo Tolu, Sonia Ciminello.

Tesoriere Paola Bisio.

Dichiarazione Claudio Bonzani, nuovo Segretario generale Uil Alessandria: “Raccolgo un'eredità importante, succedendo a una persona così umana e preparata, conosciuta e apprezzata come Aldo. Non sarà certo facile affrontare questa sfida confederale e mi pongo ad approcciarmi al nuovo incarico con un forte senso di responsabilità e l’esperienza maturata nella mia lunga carriera da sindacalista e poi da Segretario della UIL FPL. Tanti i cambiamenti e le crisi che la UIL ha dovuto affrontare negli anni, specie negli ultimi legati alla pandemia. Sarà un lavoro di squadra che condivido con la nuova segreteria”.

La giornata di oggi chiude la stagione congressuale della UIL di Alessandria, sindacato che ha visto in questi mesi riconferme, specie dei Segretari più giovani ai vertici delle categorie, e nuovi inserimenti nelle segreterie di categoria.

Ricapitolando ricordiamo che le formazioni di tutte le categorie UIL di Alessandria:

UIL FPL

Segretario generale Luca Righini

Segreteria: Alvaro Venturino, Segretario organizzativo, Sonia Ciminello, Calabrese Giuseppe, Alutto Alberto. Tesoriere Adele Di Meo

UIL Pensionati

Segretario generale Luigi Ferrando

Presidente Alberto Pavese

Segreteria: Paola Bisio, Leonardo Elia, Aldo Gregori e Arturo Toson

FENEAL

Coordinatore provinciale Paolo Tolu

 

UILTUCS

Segretaria generale Maura Settimo

Segreteria: Rosario Trupia e Francesco Rosati

UILM

Segretario generale: Alberto Pastorello

Segreteria: Serena Piscitello, Segretaria Organizzativa, e Antonio Bordon.

Tesoriere Marco Ginanneschi

UILtrasporti

Segretario generale: Alessandro Porta

Segreteria: Vittorio Panizza, Segretario Aggiunto (Igiene Amb.), Angelo Barrocu (Merci Log.), Antonio Burgarello (TPL), Franco Bello (Ferrovieri), Pasquale Fata (Igiene Amb.)

 

UILTEC

Segretario generale Gianni Di Gregorio

Segreteria: Danilo Ballacchino e Barbara Carrara

UILA

Segretario generale Tiziano Crocco

Segreteria: Piero Frescucci, Stefania nebbi, Daniela Corvarola, Fausto Cavo

UILCA

Segretario generale: mauro Cuniberti

Pier Paolo Novara, Carlo Toso, Andrea Sburlati, Alberto Ernia

 

UIL SCUOLA

Segretario generale: Giovanni Guglielmi

Segreteria: Antonella Irina Copotz, Concetta Palmieri, Stefania Chiarantano, Fabrizia Alloisio

 

UILPA

Segretario generale: Gian Piero Zampaloni

Segreteria: FOGGIA Luigi, LEONFORTE Carmelo, MACCARRONE Giampiero e TRAVO Giorgio

 

UILCOM

Segretario generale: Maurizio Sfondrini

Segreteria: Fabio Aquilino, Marco Perello

UIL POSTE

Segretario generale: Roberto Gandino

Segreteria: Enzo Corradi, Monica Guccione, Patrizia Nidosio

Pubblicato in Comunicati Stampa

Ha preso il via oggi, martedì 12 aprile, la stagione congressuale della UIL di Alessandria. All’Hotel Il Mulino di San Michele si è svolto questa mattina il 12° Congresso Pensionati Alessandria, UILP. Lo slogan di questo appuntamento congressuale è Passato, presente, futuro: i giovani corrono veloce, gli anziani conoscono la strada, insieme raggiungono prima la meta

Questa mattina, dopo la relazione scritta dalle due segreterie provinciali uscenti della delle STU territoriali sciolte alla fine dello scorso febbraio, che facevano riferimento rispettivamente al Segretario generale Territoriale UIL PENSIONATI zona Alessandria Nord, Alberto Pavese, e al Segretario Generale Territoriale UIL PENSIONATI Alessandria zona Sud, Luigi Ferrando, il congresso ha eletto un unico segretario provinciale.

Luigi Ferrando è stato riconfermato ed eletto Segretario generale UILP Alessandria.

Al Segretario Ferrando, al presidente Pavese e alla segreteria composta da Paola Bisio, Leonardo Elia, Aldo Gregori e Arturo Toson spetta il compito di guidare per il prossimo mandato, della durata di quattro anni, l’area vasta di Alessandria.

Pubblicato in Notizie

L’annunciato possibile sgombero della Casa delle Donne con sede in piazzetta Monserrato ad Alessandria, che pare dovrebbe avvenire nei prossimi giorni, ci lascia perplessi.

Pensiamo che sarebbe un errore chiudere un luogo che nel tempo è diventato un punto di riferimento per la città ma soprattutto per molte persone in difficoltà. L’impegno sociale di Non una di meno è tangibile e la dimostrazione sono le tante iniziative intraprese in questi anni e ad alcune di queste abbiamo partecipato anche noi come UIL.

Non sono mai abbastanza i luoghi che possono offrire sostegno e supporto alle persone e per questo pensiamo che l’Amministrazione comunale di Alessandria debba continuare a sostenere spazi di aggregazione come questo, attivandosi per bloccare lo sgombero. Sarebbe un pessimo segnale vedere calare il sipario su questa realtà, specie alla luce degli anni difficoltosi che stiamo attraversando e dove è emersa, in maniera ancora più forte, la richiesta di aiuto delle fasce più deboli e sole.

Pubblicato in Notizie
Pagina 1 di 22

Sempre con voi

UIL Alessandria

© 2021. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy | Cookie Policy
Web by ModusOperandi

Search

No Internet Connection