Visualizza articoli per tag: uiltucs uil

In queste giornate particolari di emergenza legate al dilagare del Coronavirus e alla necessità di limitare i contatti tra le persone, non tutti i lavoratori possono permettersi di stare a casa. Infatti, come da Decreto,  ci sono settori particolarmente esposti, quelli che rientrano tra le categorie di servizi indispensabili per la comunità: oltre al personale sanitario, al quale rinnoviamo il nostro rispetto, vogliamo soffermarci sulla posizione degli addetti alle vendite impegnati sia nella piccola che nella grande distribuzione.

Da giorni ci arrivano segnalazioni di problematiche relative alla mancata attuazione delle disposizioni previste ed in particolare riguardo all'entrata scaglionata dei clienti che si recano nei negozi alimentari e nei supermercati per fare la spesa.

Troppo spesso non viene rispettata la distanza di sicurezza tra clienti e clienti e personale inoltre ci sono problemi di approvvigionamento del materiale necessario per la sanificazione dei locali. Infine le mascherine e disinfettante per le mani, che metterebbero più al riparo gli addetti alle casse, non vengono spesso distribuite obbligando così i dipendenti a doversele procurare autonomamente.

Crediamo che le mascherine e i guanti siano uno strumento che seppur incompleto non debba mancare ai lavoratori che erogano un servizio essenziale come l'approvvigionamento di cibo e che sono a stretto contatto con molta gente in luoghi chiusi.

Inoltre riteniamo che debbano essere prese in considerazione barriere di plexiglass o distanziatori per separare il cliente dall'operatore addetto alla cassa al momento del pagamento.

Riteniamo che l'esposizione degli addetti alle vendite sia particolarmente elevata e meriti una grossa attenzione da parte delle autorità sanitarie perché nessuno può essere dimenticato in questo momento di emergenza. Per prima cosa va salvaguardata la salute dei lavoratori e dei cittadini.

A nome e per conte delle lavoratrici e dei lavoratori invitiamo anche la clientela al rispetto delle regole evitando code ed assembramenti ai banconi e alle casse e al momento del pagamento non sostare davanti alla cassiera, ma recarsi direttamente nella zona di insacchettamento della spesa.

Anche all'incontro di quest'oggi con il Governo abbiamo esposto il problema dei lavoratori e delle lavoratrici di questo settore, perché nessun ambito venga escluso dalle misure preventive e perché non ci siano lavoratori di serie b. Non possiamo accettare differenze di trattamento specie in una circostanza così straordinaria e grave. Apprendiamo inoltre che anche il premier Conte ha ribadito poco fa come serva dotare tutti i lavoratori di dispostivi di base come le mascherine.

Continueremo a vigilare sul territorio e invitiamo, come stanno già facendo in questi giorni tutti i dipendenti ad informarci sullo stato delle cose in tema di messa in sicurezza.

FILCAMS CGIL                                           FISASCAT CISL                                UILTuCS UIL

Stefano Isgro'                                          Cristina Vignolo                                Maura Settimo

Pubblicato in Notizie: UILTuCS

Le organizzazioni sindacali Fisascat-Cisl, Filcams-Cgil e UILTuCS hanno proclamato formalmente per il prossimo 4 maggio 2018 lo sciopero generale delle lavoratrici e dei lavoratori a cui viene applicato il CCNL per i Dipendenti da Istituti ed Imprese della Vigilanza Privata e dei Servizi Fiduciari scaduto oramai dal 31 dicembre 2015. Ricordiamo che il settore fa parte dei servizi pubblici essenziali e pertanto la proclamazione è avvenuta tenendo conto della normativa e riguarda tutti i lavoratori del settore.

Lavoratrici e lavoratori del settore daranno vita ad una grande giornata di mobilitazione nella Capitale per rimuovere la cortina di silenzio e di disattenzione che caratterizza costantemente ciò che accade ad una categoria quanto mai essenziale per garantire condizioni di sicurezza reale presso contesti ed ambiti operativi contraddistinti da indici di rischio assai elevati.

Le richieste dalle controparti datoriali sono irricevibili e prevedono un peggioramento delle condizioni di lavoro:   l'estensione a 45 ore dell'orario normale di lavoro, peggioramento del pagamento delle giornate di malattia, diminuzione del salario, riduzione delle garanzie di assunzione in caso di cambio di appalto.

Lo sciopero si attuerà con l'astensione dal lavoro per l'intero turno di venerdì 4 maggio 2018 delle lavoratrici e dei lavoratori del settore, ovverosia con la sospensione delle prestazioni lavorative in programma dalle 00:00 alle 24:00 di tale giornata

Pubblicato in Notizie

UILTuCS, Filcams e Fisascat con il Gruppo Carrefour hanno sottoscritto l'ipotesi di rinnovo del contratto collettivo aziendale. L'accordo, che ha decorrenza Giugno 2017 e durata fino al maggio 2019, conferma l'impianto complessivo delle norme pattuite nel 2016 e mantiene le condizioni salariali in essere a valere per i dipendenti del gruppo. E' possibile mettere in evidenza anche i seguenti aspetti migliorativi:

Valore e forza al tema alla stabilità occupazionale con riferimento alla mobilità di Gruppo.

SALVAGUARDIA DELL'OCCUPAZIONE

L'Azienda e le OO.SS considerano il patrimonio occupazionale fattore importante per affrontare e superare la crisi. Fermo restando l'accordo sindacale sottoscritto in data 22 aprile 2017, l'Azienda si impegna ad una complessiva salvaguardia dei livelli occupazionali ed al mantenimento del perimetro Aziendale e ad assicurare un confronto periodico con le OO.SS. finalizzato a monitorare la qualità dell'occupazione in Azienda. A fronte di ristrutturazioni e/o chiusure che si rendessero necessarie in ragione di un peggioramento del contesto economico, l'Azienda si impegna a procedere in coerenza con quanto previsto dalle norme di legge e di Contratto Integrativo Aziendale, nonché ricercando soluzioni non traumatiche agli eventuali problemi occupazionali e favorendo ove possibile la ricollocazione interna al Gruppo del personale coinvolto. Le parti si impegnano ad incontrarsi al termine di ogni anno, per monitorare la situazione occupazionale dell'anno di riferimento e per valutare lo scenario economico.

Più importanza alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

L'Azienda ribadisce il proprio impegno affinché la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro siano sempre e comunque garantite, dando, con ciò, piena e convinta attuazione al D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni. Nell'ambito di tale normativa, vengono pertanto favoriti i confronti tra le rappresentanze a ciò preposte, finalizzati al miglioramento delle condizioni di lavoro. Nel secondo semestre di ogni anno, entro il mese di novembre, si terrà un incontro nazionale alla presenza degli RLS e dell'RSPP Aziendale. In tale occasione, l'Azienda si impegna a presentare una relazione annuale sullo "stato della salute e della sicurezza" nel Gruppo. I contenuti di tale rapporto verranno definiti dalle parti entro il 2017.

Valore e forza al coinvolgimento della rappresentanza dei lavoratori nelle politiche organizzative aziendali ed efficacia al ruolo delle strutture territoriali e della rappresentanza sindacale su organizzazione del lavoro, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e formazione permanente.

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Allo scopo di favorire livelli qualificati di efficienza e produttività e realizzare condizioni di stabilità occupazionale e flessibilità anche positiva delle prestazioni lavorative, in un contesto di costante mutamento dei livelli di concorrenza e del comportamento dei consumatori si conviene di prevedere un tempestivo confronto per punto vendita e/o per territorio, finalizzato a realizzare eventuali accordi sugli assetti organizzativi condivisi. Tali confronti saranno mirati anche ad equilibrare gli effetti sull'occupazione in ragione della ridefinizione degli organici funzionali a recuperi di efficienza, qualificazione e ampliamento dei livelli di servizio. Nell'ambito di tali incontri le parti si confronteranno sugli assetti organizzativi, gli organici, l'utilizzo degli impianti e la sicurezza nei luoghi di lavoro, il nastro orario di apertura al pubblico, i livelli di servizio, l'utilizzo di lavoro supplementare e straordinario, del lavoro somministrato e sulle attività appaltate/terziarizzate. Nell'ambito di tali confronti potrà essere altresì perseguita l'implementazione dei seguenti fattori: Orario di lavoro

o Flessibilità oraria giornaliera e/o settimanale programmata, finalizzata a garantire un efficace presidio dei flussi merci e clienti e portare attenzione alle esigenze di flessibilità positiva.

o Copertura del presidio a fronte di situazioni non prevedibili e non rientranti nella pianificazione oraria definita, con ricorso a soluzioni individuate nell'ambito dei singoli punti vendita.

Mansioni

o promiscuità, fungibilità e polivalenza da applicare all'interno delle singole unità produttive e tra i rispettivi settori e reparti.

I suddetti confronti saranno realizzati sulla base di proposte organizzative che prevedano la preventiva informazione, non inferiore a due settimane dalla data del primo incontro, sull'andamento del punto vendita/territorio sia sull'aspetto commerciale che sulla composizione dell'organico e delle ore lavorate, suddivise per specifiche tipologie contrattuali. Tali confronti dovranno concludersi entro 45 giorni dal loro avvio, salvo diverso accordo tra le parti.

Sperimentazione in tema di welfare aziendale.

PRODUTTIVITÀ E WELFARE AZIENDALE

Le parti convengono di incontrarsi, entro il mese di novembre del corrente anno, per valutare l'opportunità di definire, in via sperimentale in alcuni punti di vendita test che saranno successivamente identificati, un sistema premiante. Tale sperimentazione, da definirsi nelle modalità a livello negoziale nazionale, potrà prendere in considerazione indicatori di produttività, qualità e redditività utili a valorizzare premi di natura variabile da erogare anche sotto forma di welfare aziendale in considerazione di quanto previsto dalla L. 208/2015, come modificata dalla L. 232/2016. L'ipotesi di sperimentazione tiene conto temporalmente della possibile e auspicabile variazione in positivo del contesto economico complessivo e dell'andamento aziendale in essere al momento della sottoscrizione del presente accordo. Nel mettere in evidenza il ruolo positivo e determinante al buon esito della trattativa assicurato dalle strutture territoriali, si trasmette in allegato il testo dell'ipotesi di accordo. Seguirà a breve una nota inerente le modalità utili a realizzare la consultazione delle lavoratici e dei lavoratori del gruppo. Cordiali saluti Il Segretario Nazionale (Paolo Andreani)

Il Segretario Generale (Brunetto Boco)

Pubblicato in Notizie
Lunedì, 08 Maggio 2017 10:56

UILTuCS sul CCNL Vigilanza Privata

L'incontro tenutosi ieri ha affrontato nuovamente il tema della sfera di applicazione e, per la prima volta, la materia della rappresentanza e rappresentatività.

Sul primo aspetto, le posizioni paiono avvicinarsi anche se permangono alcuni tentativi delle Associazioni di conservare formulazioni che possano consentire margini di ambiguità. Le attività cui si riferisce il CCNL sarebbero: servizi di Vigilanza Privata, secondo le previsioni del DM 269/2010; i Servizi di Sicurezza, in cui sono comprese le attività riservate al personale non decretato e le "attività ausiliarie, in quanto strumentali ed accessorie, anche per previsione dei contratti di appalto, ai servizi di Vigilanza Privata e di Sicurezza: front desk, reception e centralino telefonico, ricezione e smistamento di corrispondenza"; i Servizi i controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi di lavoro al pubblico o in pubblici esercizi; le attività di stewarding all'interno degli impianti sportivi.

Quanto al tema della rappresentanza e rappresentatività, il confronto ha rivelato diverse difficoltà. Come noto, nel nostro caso, si presenta il problema di definire norme che sono state oggetto di tre accordi interconfederali (Confcommercio, Confindustria, Cooperazione) e che contengono diversi elementi di differenza.

Ciascuna Associazione datoriale ha espresso il vincolo politico di inderogabilità per il rispettivo accordo di riferimento. Per parte sindacale, si è evidenziato che ciò renderebbe inagibile qualunque soluzione e che per alcune materie si produrrebbe un "vuoto" normativo: è il caso della rappresentanza sindacale unitaria e della contrattazione di secondo livello.

Si è poi accennato alla bilateralità, in cui abbiamo manifestato l'esigenza improcrastinabile di procedere ad una rivisitazione integrale di EBINVIP sotto il profilo statutario, del funzionamento, della gestione delle risorse, del rapporto con gli EBR. Ciò può avvenire secondo quanto già realizzato in tema di governance nel Terziario.

Le Associazioni datoriali hanno espresso una disponibilità in via di principio, ma precisando l'indisponibilità a riferirsi in via esclusiva a quanto definito da una Confederazione

datoriale. Il negoziato prosegue il 19 maggio in sede planaria (ore 10.30 presso Cooperazione, via Torino – Roma) e il 14 giugno per la delegazione trattante.

 

Il Segretario Nazionale

(Stefano Franzoni)

Il Segretario Generale

(Brunetto Boco)

Pubblicato in Notizie: UILTuCS
Lunedì, 27 Febbraio 2017 16:12

Comunicato stampa UILTuCS sull'outlet di Serravalle

Per prima cosa vogliamo ringraziare le lavoratrici e i lavoratori dell'outlet McArthurGlen di Serravalle Scrivia per aver finalmente reagito e aver finalmente aperto un varco importante, acceso una luce sulla vita lavorativa nel centro OUTLET più grande d'Europa! Riteniamo esemplare la reazione degli stessi lavoratori davanti all'ennesima richiesta del Centro Commerciale!

Maura Settimo, Segretario UILTuCS Alessandria: "Come Organizzazione Sindacale da anni operiamo all'interno del Centro aiutando soprattutto le lavoratrici colpite dalle ormai frequentissime chiusure di negozi. Abbiamo proprio in questi giorni concluso positivamente una procedura di FIS (Fondo Integrazione Salariale), e solo nell'ultima settimana si sono affrontate ben due mutamenti societari di altrettanti negozi. Abbiamo intrapreso negli anni decine e decine di vertenze riguardanti l'utilizzo dei contratti, il recupero delle competenze, i fallimenti aziendali, lavoro nero....Abbiamo scioperato in diversi settori e abbiamo all'interno delegati sindacali, militanti, iscritti... Quindi IL SINDACATO ALL'INTERNO DEL CENTRO C'è !! E ORA PROVEREMO, INSIEME, AD ESSERLO CON MAGGIOR FORZA!"

Come UILTuCS abbiamo appreso, come molti lavoratori, attraverso i social dell'iniziativa della Filcams CGIL. Iniziativa solitaria che non ha visto la condivisione con tutte le altre sigle sindacali presenti nel centro.

Con questo comunicato portiamo la voce di chi suo malgrado è stato escluso da un'iniziativa che poteva essere condivisa ed unitaria: i LAVORATORI! La domanda è:  si è persa forse un'occasione per poter agire in sinergia ed essere più incisivi nelle richieste?

Siamo stati tempestati di messaggi attraverso gli stessi social, di lavoratrici e lavoratori che ci chiedevano di poter avere iniziative per poter condividere un percorso che vedesse quale unico obiettivo quello di avere un colloquio con la dirigenza dell'OUTLET e provare a ragionare su quanto sta avvenendo in questi giorni. L'obiettivo è quello di limitare questa politica tutta a discapito dei lavoratori e assolutamente ANTI-ECONOMICA!

Con gli stessi lavoratori si è deciso di proporre anche alle altre sigle sindacali una richiesta di incontro con le Amministrazioni Comunali di Serravalle e Novi, la McArthurGlen e la  Provincia, insomma con gli stessi soggetti firmatari di un importante documento datato ormai 2001 che vedeva la stessa McArthurGlen impegnarsi a condividere con le Organizzazioni Sindacali alcuni importanti momenti della vita lavorativa del centro quali per esempio proprio l'Organizzazione del Lavoro, le aperture festive ecc...

Abbiamo condiviso con alcune lavoratrici e  lavoratori un importante documento  che verrà presto sottoposto all'attenzione delle Amministrazioni Comunali.

Vorremmo fare un coordinamento con tutte le sigle sindacali e una rappresentanza di lavoratori  per mettere in piedi le migliori iniziative e avere una visione d'insieme delle problematiche.

Ricordiamo che all'interno del Centro coesistono lavoratori con DIVERSI CONTRATTI NAZIONALI: COMMERCIO, TESSILE, PULIZIE MULTISERVIZIO, VIGILANZA PRIVATA, RISTORAZIONE PUBBLICI SERVIZI.

Tale complessità non è da sottovalutare anche alla luce delle varie normative che regolamentano per esempio il LAVORO DOMENICALE e il LAVORO FESTIVO!

Ecco perché è importante il coinvolgimento di tutti! Siamo sicuri di poter portare avanti una battaglia iniziata dai lavoratori e di poter finalmente condividere un percorso che consenta di avere un monitoraggio del più grosso polo commerciale della Provincia.

MAURA SETTIMO

SEGRETARIO GENERALE UILTuCS

Pubblicato in Notizie: UILTuCS

La catena Carrefour protrae ancora la volontà di estendere l'orario di apertura di alcuni punti vendita in Italia, trasformandoli in negozi aperti 24 ore su 24.

Da domani, 1 luglio, anche il Carrefour di Tortona applicherà il nuovo orario, che arriva come una doccia fredda.

Maura Settimo, Segretario territoriale UILTUCS Alessandria: "Come UILTUCS non possiamo che comprendere le preoccupazioni dei lavoratori davanti a una realtà nuova per l'intero Paese, figuriamoci per una cittadina di provincia come Tortona. Ci chiediamo se è davvero il caso, se l'estensione del servizio sia realmente  necessaria, credendo che le abitudini dei consumatori non cambieranno, ma certamente lo faranno le conseguenze di questa introduzione, come il rischio di creare degli squilibri tra lavoratori."

Carrefour motiva la novità "Per essere sempre più vicini alle esigenze ed i bisogni dei nostri clienti!", come dice uno slogan, ma chi pensa ai lavoratori?

La catena dovrà infatti assumere lavoratori precari con contratti non adeguati.

Crediamo che questa scelta, portata avanti con ostinazione dall'azienda anche sull'esercizio commerciale tortonese, sia una strategia che non porterà alcuna ricaduta positiva né sul fatturato e nemmeno, purtroppo, sul fronte occupazione e aumenti salariali .

Che prezzo avrà questa nuova strategia sui lavoratori? Già si prospettano turni massacranti e ripercussioni pesanti sulla vita privata dei dipendenti e delle loro famiglie. Ricordiamo che da mesi, con ripetute iniziative, scioperi e manifestazioni, rivendichiamo il rinnovo del contratto nazionale, respinto proprio da rappresentanti della Grande Distribuzione.

Il territorio non ha bisogno di questo servizio e non è trascurabile anche il fronte sicurezza.

Abbiamo già fatto una richiesta di incontro all'azienda per avere risposte e tutele per i lavoratori.

Pubblicato in Notizie: UILTuCS

A partire dal 18 novembre prossimo sarà online il nuovo sito internet della UILTuCS.

L'attuale sito ha rappresentato un enorme passo avanti nella qualità e nella quantità della nostra comunicazione istituzionale; il numero delle visite al sito è arrivato nel 2015 a livelli che solo alcuni anni fa ritenevamo impensabili: solo in occasione del rinnovo del CCNL Terziario del 30 marzo scorso abbiamo registrato circa 4.000 viste quotidiane e in occasione del recente sciopero del 7 novembre per il contratto del Terziario delle aziende diFederdistribuzione, Distribuzione Cooperativa e Confesercenti le visite in un solo giorno hanno superato quota 2.000.

Nel corso del 2015 (dal 1° gennaio ad oggi) le visite hanno raggiunto il numero di 270.154, con 185.019 visitatori unici che hanno consultato 490.955 pagine del sito. Possiamo quindi affermare incontrovertibilmente che il sito è diventato un punto di riferimento per delegati e lavoratori dei nostri settori.

Per garantire uno strumento aggiornato e sempre al passo con i tempi, abbiamo ritenuto necessario un intervento di aggiornamento della veste grafica e della struttura del sito, profondamente rinnovata e più in linea con le attuali tendenze del web.

Nel corso della fase di transizione al nuovo sito potrebbe verificarsi qualche malfunzionamento che vi chiediamo di segnalarci prontamente.

Vi invitiamo, pertanto, a visitare il nuovo sito a partire dal prossimo mercoledì 18 e ad inviarci eventuali suggerimenti al fine di migliorare il lavoro fatto.

Pubblicato in Notizie: UILTuCS
Etichettato sotto

Lo scorso 30 marzo è stato rinnovato il contratto del commercio.

Intervista a Maura Settimo, Segretaria territoriale UILTUCS Alessandria:

"Il contratto si rivolge a quasi tre milioni li lavoratori che operano nel settore dei servizi e nel settore del terziario. Il rinnovo del contratto di categoria, frutto dell'accordo tra sindacati e Confcommercio, si spera possa presto essere esteso anche ai lavoratori della grande distribuzione (Trattativa che si sta facendo con Federdistribuzione).

Il rinnovo è una boccata di ossigeno per i dipendenti del settore e ha validità fino a fine 2017.

Prevede l'aumento salariale di 85 euro in due anni e mezzo, la regolarizzata della flessibilità con step per i lavoratori che sono al primo impiego, oltre a norme sull'orario di lavoro.

Questo appena sottoscritto è un contratto che rappresenta lo specchio del momento che viviamo, tiene conto della situazione di crisi del settore, ma viene accolto con grande entusiasmo dopo anni di stallo  e per questo è considerato una vera e propria conquista. Ora speriamo che la trattativa con la grande distribuzione riprenda.

La firma di un contratto è un punto di forza per le organizzazioni sindacali, ma a un mese dall'Expo 2015 non possiamo non citare il blocco della contrattazione del settore turismo. Proprio a Milano (oltre che a Roma e a Taormina) si terrà infatti il 15 aprile una giornata di sciopero e manifestazione dei lavoratori del comparto turismo che chiedono a gran voce attenzione e il rinnovo del contratto".

 

Intervista audio rilasciata a Radio Gold in allegato.

Pubblicato in Notizie: UILTuCS
Martedì, 14 Ottobre 2014 11:13

Al via domani il X Congresso Nazionale UILTuCS

Il Consiglio Nazionale di Categoria della UILTuCS, vista la delibera del Consiglio Nazionale del 18 febbraio 2014, ha convocato il X Congresso Nazionale, che si svolgerà a Torino nei giorni 15, 16, 17 e 18 ottobre 2014, con inizio alle ore 14,00 del giorno 15 ottobre e chiusura prevista per le ore 14,00 del 18 ottobre.
Il programma del X Congresso Nazionale della UILTuCS è il seguente:

15 ottobre


Elezione della Presidenza;
Adempimenti congressuali;
Relazione del Segretario Generale UILTuCS Nazionale;
Saluti degli ospiti;

16 ottobre


Dibattito sulla base della Relazione del Segretario Generale;

17 ottobre


Proseguimento dibattito;

18 ottobre


Conclusioni del Segretario Generale;
Approvazione documenti finali;
Elezione del Consiglio Nazionale di Categoria;
Riunione del Consiglio Nazionale di Categoria neo eletto;
Elezione Organi statutari.

Pubblicato in Notizie: UILTuCS

IL SEGRETARIO GENERALE BRUNETTO BOCO IN MERITO ALLA PROPOSTA DEL MINISTRO DELL'INTERNO, ANGELINO ALFANO, SULL'ABOLIZIONE DELL'ART.18:

Le dichiarazioni del Ministro dell'interno Angelino Alfano, in merito alla proposta di cancellazione dell'art.18, sono pura propaganda, l'ennesimo tentativo di distogliere l'attenzione da quello che è il reale problema del paese ossia come creare le condizioni per dare nuovo impulso allo sviluppo economico e quindi occupazione.
L'attuale emergenza consiste nel fatto che le aziende attivano procedure di mobilità che hanno come unica conseguenza l'espulsione dei lavoratori dai processi produttivi.
Fermo restando,dunque, la nostra assoluta contrarietà all'abolizione dell'art.18, auspichiamo che il Ministro dell'interno e tutta la compagine di governo si adoperino con strumenti veramente efficaci per risollevare l'economia del paese portandolo al più presto fuori dallo stato di crisi e recessione in cui oggi versa.

Pubblicato in Notizie

Sempre con voi

AREA STAMPA

UIL Alessandria

© 2021. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy | Cookie Policy
Web by ModusOperandi

Search

No Internet Connection